Lit Ore Rito A


31 Maggio 2021

Notizie Giornali Italia

--:--   --:--
Brian Browne Trio - Blue Browne
La Parola

      VANGELO DEL GIORNO

      Lunedì 31 Maggio 2021 : Libro de Sofonia 3,14-18a.
      Gioisci, figlia di Sion, esulta, Israele, e rallegrati con tutto il cuore, figlia di Gerusalemme! Il Signore ha revocato la tua condanna, ha disperso il tuo nemico. Re d'Israele è il Signore in mezzo a te, tu non vedrai più la sventura. In quel giorno si dirà a Gerusalemme: "Non temere, Sion, non lasciarti cadere le braccia! Il Signore tuo Dio in mezzo a te è un salvatore potente. Esulterà di gioia per te, ti rinnoverà con il suo amore, si rallegrerà per te con grida di gioia, Il ritorno dei dispersi Ho allontanato da te il male, perchè tu non abbia a subirne la vergogna.

      Lunedì 31 Maggio 2021 : Libro di Isaia 12,2-3.4bcd.5-6.
      Ecco, Dio è la mia salvezza; io confiderò, non avrò mai timore, perché mia forza e mio canto è il Signore; egli è stato la mia salvezza. Attingerete acqua con gioia alle sorgenti della salvezza. In quel giorno direte: "Lodate il Signore, invocate il suo nome; manifestate tra i popoli le sue meraviglie, proclamate che il suo nome è sublime. Cantate inni al Signore, perché ha fatto opere grandi, ciò sia noto in tutta la terra. Gridate giulivi ed esultate, abitanti di Sion, perché grande in mezzo a voi è il Santo di Israele".

      Lunedì 31 Maggio 2021 :

      Lunedì 31 Maggio 2021 : Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,39-56.
      In quei giorni, Maria si mise in viaggio verso la montagna e raggiunse in fretta una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore». Allora Maria disse: «L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva. D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente e Santo è il suo nome: di generazione in generazione la sua misericordia si stende su quelli che lo temono. Ha spiegato la potenza del suo braccio, ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore; ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili; Ha ricolmato di beni gli affamati, ha rimandato a mani vuote i ricchi. Ha soccorso Israele, suo servo, ricordandosi della sua misericordia, come aveva promesso ai nostri padri, ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre». Maria rimase con lei circa tre mesi, poi tornò a casa sua.

      Lunedì 31 Maggio 2021 : Commento Beato Charles de Foucauld
      Madre mia, Maria, oggi è sia una vostra festa che una festa di Gesù: come la Purificazione è soprattutto la Presentazione di Gesù, la Visitazione è una delle vostre feste più belle, ma è ancor più la festa di nostro Signore, poiché è lui che agisce in voi e per mezzo vostro. La Visitazione è «l'amore del Cristo che spinge» (2Cor 5,14), è Gesù che, appena entrato in voi, ha sete di fare altri santi e altri beati. All'Annunciazione, si è manifestato e dato a voi, vi ha santificata in modo sublime. Ma ciò non gli basta: nel suo amore per gli uomini, vuole subito manifestarsi e donarsi per mezzo vostro ad altri, ne vuole santificare altri, e si fa portare da voi a san Giovanni Battista. (...) Ciò che va a fare la santa Vergine nella Visitazione, non è una visita a sua cugina per consolare ed edificarsi scambievolmente col racconto delle meraviglie di Dio in loro; è ancor meno una visita di carità materiale per aiutare la cugina negli ultimi giorni di gravidanza e nel parto. E' ben di più: ella parte per santificare san Giovanni, per annunciargli la buona novella (...), non con le sue parole, ma portandogli in silenzio Gesù. (...) Così fanno i religiosi e le religiose votati alla contemplazione nei paesi di missione. (...) O Madre mia, fate che rimaniamo fedeli alla nostra missione, a così bella missione, che portiamo fedelmente in mezzo a queste povere anime immerse «nell'ombra della morte» (Lc 1,79) il divino Gesù.
      ______________________________________________________________________________

      Santo:

Visitazione

      Nome: Visitazione della Beata Vergine Maria
      Titolo: Visita di Maria a Elisabetta
      Ricorrenza: 31 maggio
      Tipologia: Festa
      Patrona di: Matera, Enna, Caronno Pertusella, Bagnolo Mella, Due Carrare, Subbiano, Vestone, Montello, Bressanvido, Castorano >>> altri comuni

      Quando la Vergine seppe dall'Arcangelo Gabriele che era prossima a divenire madre del Precursore, fu stimolata interiormente dallo Spirito Santo a recarsi alla casa di sua cugina S. Elisabetta, in dolce attesa del Giovanni Battista, per apportarvi i primi frutti della redenzione. Il viaggio da Nazareth, dove abitava la SS. Vergine, fino alla città di Ebron dove stava Elisabetta era di 69 miglia circa. Le montagne e la cattiva stagione rendevano più incomodo tale percorso. Tuttavia la B. Vergine si pose in cammino con sollecitudine, come nota il Vangelo, spinta da quella grande carità che ardeva nel suo cuore. Ella incominciava allora la sua missione di dispensiera di tutte le grazie.

      Giunta alla casa di Elisabetta, Maria fu la prima a porgere il saluto alla cugina, ed apportò in quella casa grazie straordinarie: S. Giovanni Battista fu liberato dal peccato originale, Zaccaria riebbe la parola, S. Elisabetta ricevette l'abbondanza dei doni dello Spirito Santo ed alla vista della Vergine esclamò: « Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento di ciò che il Signore le ha detto ».

      Maria, in risposta, pronunciò lo stupendo cantico del Magnificat, la più degna lode che Dio ricevesse dalla bocca della sua santa Madre, e che la Chiesa fa recitare ogni giorno ai sacerdoti nell'Ufficio divino.

      L'anima mia magnifica il Signore
      e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore

      perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
      D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.continua >>



      Con questo cantico Maria loda Iddio di averla arricchita di tali privilegi; predice la sua gloria nell'avvenire: profetizza che il Salvatore del mondo umilierà i superbi ed esalterà gli umili e spanderà la sua misericordia in tutti i secoli fino alla fine del mondo.

      Secondo il S. Vangelo, Maria si trattenne per tre mesi nella casa di S. Elisabetta. In questo tempo Ella prestò alla cugina tutti i più umili servizi, con una bontà che solo la madre di Dio poteva avere.

      Come fu ripiena di grazia la famiglia di Elisabetta alla visita di Maria, così può chiamarsi beata l'anima devota di Maria. Maria non solo protegge i suoi devoti, ma, come dice un santo, li serve. Dove vi è l'amore a Maria vi è ogni bene, perchè Ella porta con sè Gesù, vera pace dell'anima.

      PRATICA. Sull'esempio di Maria proponiamo di essere umili e caritatevoli verso il prossimo.

      PREGHIERA. — Deh! Signore, accorda ai tuoi servi il dono della grazia celeste, affinchè come il parto della B. Vergine fu loro principio di salvezza, così la solennità della sua Visitazione aumenti la loro pace.

      MARTIROLOGIO ROMANO. Visitazione della beata Vergine Maria ad Elisabétta.
Ave Maria MOSE' ELIA ABRAMO FRANCESCO Girolamo

______________________________________________________________________________

DIVINA MISERICORDIA








On