Liturgia

Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

Notizie Giornali Italia



    ______________________________________________________________________________
    INVITATORIO
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. Signore, apri le mie labbra
    R. e la mia bocca proclami la tua lode.

    Antifona
    Venite, adoriamo Cristo Signore:
    per noi ha sofferto tentazione e morte.

    Oppure:

    Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
    non indurite il vostro cuore.

    SALMO 94  Invito a lodare Dio
    Esortatevi a vicenda ogni giorno, finché dura «quest'oggi» (Eb 3,13)

    Venite, applaudiamo al Signore, *
    acclamiamo alla roccia della nostra salvezza.
    Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
    a lui acclamiamo con canti di gioia (Ant.).

    Poiché grande Dio è il Signore, *
    grande re sopra tutti gli dèi.
    Nella sua mano sono gli abissi della terra, *
    sono sue le vette dei monti.
    Suo è il mare, egli l'ha fatto, *
    le sue mani hanno plasmato la terra (Ant.).

    Venite, prostràti adoriamo, *
    in ginocchio davanti al Signore che ci ha creati.
    Egli è il nostro Dio, e noi il popolo del suo pascolo, *
    il gregge che egli conduce (Ant.).

    Ascoltate oggi la sua voce: †
    « Non indurite il cuore, *
    come a Merìba, come nel giorno di Massa nel deserto,

    dove mi tentarono i vostri padri: *
    mi misero alla prova pur avendo visto le mie opere (Ant.).

    Per quarant'anni mi disgustai di quella generazione †
    e dissi: Sono un popolo dal cuore traviato, *
    non conoscono le mie vie;

      perciò ho giurato nel mio sdegno: *
    Non entreranno nel luogo del mio riposo » (Ant.).

    Antifona
    Venite, adoriamo Cristo Signore:
    per noi ha sofferto tentazione e morte.

    Oppure:

    Ascoltate, oggi, la voce del Signore:
    non indurite il vostro cuore.


    _____________________________________________________________________________
    UFFICIO DELLE LETTURE
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

    Questa introduzione si omette quando si comincia l'Ufficio con l'Invitatorio.

    Inno
    Protesi alla gioia pasquale,
    sulle orme di Cristo Signore,
    seguiamo l'austero cammino
    della santa Quaresima.

    La legge e i profeti annunziarono
    dei quaranta giorni il mistero;
    Gesù consacrò nel deserto
    questo tempo di grazia.

    Sia parca e frugale la mensa,
    sia sobria la lingua ed il cuore;
    fratelli, è tempo di ascoltare
    la voce dello Spirito.

    Forti nella fede vigiliamo
    contro le insidie del nemico:
    ai servi fedeli è promessa
    la corona di gloria.

    Sia lode al Padre onnipotente,
    al Figlio Gesù redentore,
    allo Spirito Santo Amore,
    nei secoli dei secoli. Amen.

      Oppure:

    Ex more docti mýstico
    servémus abstinéntiam,
    deno diérum círculo
    ducto quater notíssimo.

      Lex et prophétæ prímitus
    hanc prætulérunt, póstmodum
    Christus sacrávit, ómnium
    rex atque factor témporum.

      Utámur ergo párcius
    verbis, cibis et pótibus,
    somno, iocis et árctius
    perstémus in custódia.

      Vitémus autem péssima
    quæ súbruunt mentes vagas,
    nullúmque demus cállido
    hosti locum tyránnidis.

      Præsta, beáta Trínitas,
    concéde, simplex Unitas,
    ut fructuósa sint tuis
    hæc parcitátis múnera. Amen.



    I Antifona
    Guarda, Signore, e considera
    l’umiliazione del tuo popolo.

    SALMO 88, 39-46 (IV) Lamento sulla rovina della casa di Davide
    Ha suscitato per noi una salvezza potente nella casa di Davide, suo servo (Lc 1, 69).

    Ma tu lo hai respinto e ripudiato, *
    ti sei adirato contro il tuo consacrato;
    hai rotto l’alleanza con il tuo servo, *
    hai profanato nel fango la sua corona.

    Hai abbattuto tutte le sue mura *
    e diroccato le sue fortezze;
    tutti i passanti lo hanno depredato, *
    è divenuto lo scherno dei suoi vicini.

    Hai fatto trionfare la destra dei suoi rivali, *

    hai fatto gioire tutti i suoi nemici.
    Hai smussato il filo della sua spada *
    e non l’hai sostenuto nella battaglia.

    Hai posto fine al suo splendore, *
    hai rovesciato a terra il suo trono.
    Hai abbreviato i giorni della sua giovinezza *
    e lo hai coperto di vergogna.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    I Antifona
    Guarda, Signore, e considera
    l’umiliazione del tuo popolo.

    II Antifona
    Cristo è la radice e il germoglio di Davide,
    la stella luminosa del mattino.

    SALMO 88, 47-53 (V) Lamento sulla rovina della casa di Davide
    Ha suscitato per noi una salvezza potente nella casa di Davide, suo servo (Lc 1, 69).

    Fino a quando, Signore,
    continuerai a tenerti nascosto, *
    arderà come fuoco la tua ira?

    Ricorda quant’è breve la mia vita. *
    Perché quasi un nulla hai creato ogni uomo?

    Quale vivente non vedrà la morte, *
    sfuggirà al potere degli inferi?
    Dove sono, Signore, le tue grazie di un tempo, *
    che per la tua fedeltà hai giurato a Davide?

    Ricorda, Signore, l’oltraggio dei tuoi servi: *
    porto nel cuore le ingiurie di molti popoli,
    con le quali, Signore, i tuoi nemici insultano, *
    insultano i passi del tuo consacrato.

    Benedetto il Signore in eterno. *
    Amen, amen.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    II Antifona
    Cristo è la radice e il germoglio di Davide,
    la stella luminosa del mattino.

    III Antifona
    Come l’erba i nostri giorni passano:
    tu, Signore, sei per sempre.

    SALMO 89 Su di noi sia la bontà del Signore
    Davanti al Signore un giorno è come mille anni e mille anni come un giorno solo (2 Pt 3, 8).

    Signore, tu sei stato per noi un rifugio *
    di generazione in generazione.

    Prima che nascessero i monti †
    e la terra e il mondo fossero generati, *
    da sempre e per sempre tu sei, Dio.

    Tu fai ritornare l'uomo in polvere *
    e dici: «Ritornate, figli dell'uomo».

    Ai tuoi occhi, mille anni
    sono come il giorno di ieri che è passato, *
    come un turno di veglia nella notte.

    Li annienti: li sommergi nel sonno; *
    sono come l'erba che germoglia al mattino:
    al mattino fiorisce, germoglia, *
    alla sera è falciata e dissecca.

    Perché siamo distrutti dalla tua ira, *
    siamo atterriti dal tuo furore.
    Davanti a te poni le nostre colpe, *
    i nostri peccati occulti alla luce del tuo volto.

    Tutti i nostri giorni svaniscono per la tua ira, *
    finiamo i nostri anni come un soffio.

    Gli anni della nostra vita sono settanta, *
    ottanta per i più robusti,
    ma quasi tutti sono fatica, dolore; *
    passano presto e noi ci dileguiamo.

    Chi conosce l'impeto della tua ira, *
    e il tuo sdegno, con il timore a te dovuto?

    Insegnaci a contare i nostri giorni *
    e giungeremo alla sapienza del cuore.

    Volgiti, Signore; fino a quando? *
    Muoviti a pietà dei tuoi servi.
    Saziaci al mattino con la tua grazia: *
    esulteremo e gioiremo per tutti i nostri giorni.

    Rendici la gioia per i giorni di afflizione, *
    per gli anni in cui abbiamo visto la sventura.
    Si manifesti ai tuoi servi la tua opera *
    e la tua gloria ai loro figli.

    Sia su di noi la bontà del Signore, nostro Dio: †
    rafforza per noi l'opera delle nostre mani, *
    l'opera delle nostre mani rafforza.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    III Antifona
    Come l’erba i nostri giorni passano:
    tu, Signore, sei per sempre.

    Versetto
    V. Chi medita la legge del Signore,
    R. porta frutto a suo tempo.

    Prima Lettura

    Dal libro dell'Esodo 34, 10-28
    Rinnovata l'alleanza (secondo codice)

    In quei giorni: Il Signore disse a Mosè: «Ecco io stabilisco un'alleanza: in presenza di tutto il tuo popolo io farò meraviglie, quali non furono mai compiute in nessun paese e in nessuna nazione: tutto il popolo in mezzo al quale ti trovi vedrà l'opera del Signore, perché terribile è quanto io sto per fare con te.
    Osserva dunque ciò che io oggi ti comando. Ecco io scaccerò davanti a te l'Amorreo, il Cananeo, l'Hittita, il Perizzita, l'Eveo e il Gebuseo. Guardati bene dal far alleanza con gli abitanti del paese nel quale stai per entrare, perché ciò non diventi una trappola in mezzo a te. Anzi distruggerete i loro altari, spezzerete le loro stele e taglierete i loro pali sacri. Tu non devi prostrarti ad altro Dio, perché il Signore si chiama Geloso: egli è un Dio geloso. Non fare alleanza con gli abitanti di quel paese, altrimenti, quando si prostituiranno ai loro dei e faranno sacrifici ai loro dei, inviteranno anche te: tu allora mangeresti le loro vittime sacrificali. Non prendere per mogli dei tuoi figli le loro figlie, altrimenti, quando esse si prostituiranno ai loro dei, indurrebbero anche i tuoi figli a prostituirsi ai loro dèi.
    Non ti farai un dio di metallo fuso.
    Osserverai la festa degli azzimi. Per sette giorni mangerai pane azzimo, come ti ho comandato, nel tempo stabilito del mese di Abib; perché nel mese di Abib sei uscito dall'Egitto.
    Ogni essere che nasce per primo dal seno materno è mio: ogni tuo capo di bestiame maschio, primogenito del bestiame grosso e minuto. Il primogenito dell'asino riscatterai con un altro capo di bestiame e, se non lo vorrai riscattare, gli spaccherai la nuca. Ogni primogenito dei tuoi figli lo dovrai riscattare.
    Nessuno venga davanti a me a mani vuote.
    Per sei giorni lavorerai, ma nel settimo riposerai; dovrai riposare anche nel tempo dell'aratura e della mietitura.
    Celebrerai anche la festa della settimana, la festa cioè delle primizie della mietitura del frumento e la festa del raccolto al volgere dell'anno.
    Tre volte all'anno ogni tuo maschio compaia alla presenza del Signore Dio, Dio d'Israele. Perché io scaccerò le nazioni davanti a te e allargherò i tuoi confini; così quando tu, tre volte all'anno, salirai per comparire alla presenza del Signore tuo Dio, nessuno potrà desiderare di invadere il tuo paese.
    Non sacrificherai con pane lievitato il sangue della mia vittima sacrificale; la vittima sacrificale della festa di pasqua non dovrà rimanere fino alla mattina.
    Porterai alla casa del Signore, tuo Dio, il meglio delle primizie dei primi prodotti della tua terra.
    Non cuocerai un capretto nel latte di sua madre».
    Il Signore disse a Mosè: «Scrivi queste parole, perché sulla base di queste parole io ho stabilito un'alleanza con te e con Israele». Mosè rimase con il Signore quaranta giorni e quaranta notti senza mangiar pane e senza bere acqua. Il Signore scrisse sulle tavole le parole dell'alleanza, le dieci parole.

    Responsorio    Cfr. Gv 1, 17. 18; 2 Cor 3, 18
    R. La legge fu data per mezzo di Mosè, la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo. * Dio, nessuno l'hai mai visto: il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lo ha rivelato.
    V. Noi tutti, a viso scoperto, riflettendo come in uno specchio la gloria del Signore, veniamo trasformati in quella medesima immagine, di gloria in gloria, secondo l'azione dello Spirito del Signore.
    R. Dio, nessuno l'hai mai visto: il Figlio unigenito, che è nel seno del Padre, lo ha rivelato.


    Seconda Lettura

    Dal trattato «L'orazione» di Tertulliano, sacerdote (Cap. 28-29; CCL 1, 273-274)
    Ostia spirituale

    L'orazione è un sacrificio spirituale, che ha cancellato gli antichi sacrifici. «Che m'importa», dice, dei vostri sacrifici senza numero? Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di giovenchi; il sangue di tori e di agnelli e di capri io non lo gradisco. Chi richiede da voi queste cose? » (cfr. Is 1, 11).
    Quello che richiede il Signore, l'insegna il vangelo: «Verrà l'ora», dice, «in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità.  Dio infatti è Spirito» (Gv 4, 23) e perciò tali adoratori egli cerca
    .  Noi siamo i veri adoratori e i veri sacerdoti che, pregando in spirito, in spirito offriamo il sacrificio della preghiera, ostia a Dio appropriata e gradita, ostia che egli richiese e si provvide.
    Questa vittima, dedicata con tutto il cuore, nutrita dalla fede, custodita dalla verità, integra per innocenza, monda per castità, coronata dalla carità, dobbiamo accompagnare all'altare di Dio con il decoro delle opere buone tra salmi e inni, ed essa ci impetrerà tutto da Dio.
    Che cosa infatti negherà Dio alla preghiera che procede dallo spirito e dalla verità, egli che così l'ha voluta? Quante prove della sua efficacia leggiamo, sentiamo e crediamo!
    L'antica preghiera liberava dal fuoco, dalle fiere e dalla fame, eppure non aveva ricevuto la forma da Cristo.
    Quanto è più ampio il campo d'azione dell'orazione cristiana! La preghiera cristiana non chiamerà magari l'angelo della rugiada in mezzo al fuoco, non chiuderà le fauci ai leoni, non porterà il pranzo del contadino all'affamato, non darà il dono di immunizzarsi dal dolore, ma certo dà la virtù della sopportazione ferma e paziente a chi soffre, potenzia le capacità dell'anima con la fede nella ricompensa, mostra il valore grande del dolore accettato nel nome di Dio.
    Si sente raccontare che in antico la preghiera infliggeva colpi, sbaragliava eserciti nemici, impediva il beneficio della pioggia ai nemici. Ora invece si sa che la preghiera allontana ogni ira della giustizia divina, è sollecita dei nemici, supplica per i persecutori. Ha potuto strappare le acque al cielo, e impetrare anche il fuoco. Solo la preghiera vince Dio. Ma Cristo non volle che fosse causa di male e le conferì ogni potere di bene.
    Perciò il suo unico compito è richiamare le anime dei defunti dallo stesso cammino della morte, sostenere i deboli, curare i malati, liberare gli indemoniati, aprire le porte del carcere, sciogliere le catene degli innocenti. Essa lava i peccati, respinge le tentazioni, spegne le persecuzioni, conforta i pusillanimi, incoraggia i generosi, guida i pellegrini, calma le tempeste, arresta i malfattori, sostenta i poveri, ammorbidisce il cuore dei ricchi, rialza i caduti, sostiene i deboli, sorregge i forti.
    Pregano anche gli angeli, prega ogni creatura. Gli animali domestici e feroci pregano e piegano le ginocchia e, uscendo dalle stalle o dalle tane, guardano il cielo non a fauci chiuse, ma facendo vibrare l'aria di grida nel modo che a loro è proprio. Anche gli uccelli quando si destano, si levano verso il cielo, e al posto delle mani aprono le ali in forma di croce e cinguettano qualcosa che può sembrare una preghiera.
    Ma c'è un fatto che dimostra più di ogni altro il dovere dell'orazione. Ecco, questo: che il Signore stesso ha pregato. A lui sia onore e potenza nei secoli dei secoli. Amen.

    Responsorio   Cfr. Gv 4, 23-24
    R. I veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; * così il Signore vuol essere adorato.
    V. Dio è spirito, e quelli che lo adorano devono adorarlo in spirito e verità,
    R. così il Padre vuol essere adorato.


    ORAZIONE
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    R. Amen.
    Benediciamo il Signore.
    R. Rendiamo grazie a Dio.


    ____________________________________________________________________________
    LODI MATTUTINE
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia.

    Questa introduzione si omette quando si comincia l'Ufficio con l'Invitatorio.

    Inno
    Nella santa assemblea,
    o nel segreto dell'anima,
    prostriamoci e imploriamo
    la divina clemenza.

    Dall'ira del giudizio
    liberaci, o Padre buono;
    non togliere ai tuoi figli
    il segno della tua gloria.

    Ricorda che ci plasmasti
    col soffio del tuo Spirito:
    siam tua vigna, tuo popolo,
    e opera delle tue mani.

    Perdona i nostri errori,
    sana le nostre ferite,
    guidaci con la tua grazia
    alla vittoria pasquale.

    Sia lode al Padre altissimo,
    al Figlio e al Santo Spirito
    com'era nel principio,
    ora e nei secoli eterni. Amen.

      Oppure:

    Precémur omnes cérnui,
    clamémus atque sínguli,
    plorémus ante iúdicem,
    flectámus iram víndicem:

      Nostris malis offéndimus
    tuam, Deus, cleméntiam;
    effúnde nobis désuper,
    remíssor, indulgéntiam.

      Meménto quod sumus tui,
    licet cadúci, plasmatis;
    ne des honorem nominis
    tui, precámur, álteri.

      Laxa malum quod fécimus,
    auge bonum quod póscimus,
    placére quo tandem tibi
    possímus hic et pérpetim.

      Præsta, beáta Trínitas,
    concéde, simplex Unitas,
    ut fructuósa sint tuis
    hæc parcitátis múnera. Amen

    I Antifona
    Di te si dicono cose stupende,
    città di Dio.

    SALMO 86    Gerusalemme, madre di tutti i popoli
    La Gerusalemme di lassù è libera ed è la nostra madre (Gal 4, 26).

    Le sue fondamenta sono sui monti santi; †
    il Signore ama le porte di Sion *
    più di tutte le dimore di Giacobbe.

    Di te si dicono cose stupende, *
    città di Dio.

    Ricorderò Raab e Babilonia
    fra quelli che mi conoscono; †
    ecco, Palestina, Tiro ed Etiopia: *
    tutti là sono nati.

    Si dirà di Sion: «L'uno e l'altro è nato in essa *
    e l'Altissimo la tiene salda».

    Il Signore scriverà nel libro dei popoli: *
    «Là costui è nato».
    E danzando canteranno: *
    «Sono in te tutte le mie sorgenti».

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    I Antifona
    Di te si dicono cose stupende,
    città di Dio.

    II Antifona
    Il Signore viene con potenza,
    porta con sé il premio.

    CANTICO Is 40, 10-17 Il buon pastore: Dio l'Altissimo e il Sapientissimo
    Ecco io verrò presto e porterò con me il mio salario (Ap 22, 12).

    Ecco, il Signore Dio viene con potenza, *
    con il braccio egli detiene il dominio.
    Ecco, egli ha con sé il premio *
    e i suoi trofei lo precedono.

    Come un pastore egli fa pascolare il gregge *
    e con il suo braccio lo raduna;
    porta gli agnellini sul petto *
    e conduce pian piano le pecore madri.

    Chi ha misurato con il cavo della mano
    le acque del mare *
    e ha calcolato l'estensione dei cieli con il palmo?

    Chi ha misurato con il moggio la polvere della terra, †
    ha pesato con la stadera le montagne *
    e i colli con la bilancia?

    Chi ha diretto lo spirito del Signore *
    e come suo consigliere gli ha dato suggerimenti?

    A chi ha chiesto consiglio, perché lo istruisse *
    e gli insegnasse il sentiero della giustizia,
    lo ammaestrasse nella scienza *
    e gli rivelasse la via della prudenza?

    Ecco, le nazioni son come una goccia da un secchio, †
    contano come il pulviscolo sulla bilancia; *
    ecco, le isole pesano quanto un granello di polvere.

    Il Libano non basterebbe per accendere il rogo, *
    né le sue bestie per l'olocausto.
    Tutte le nazioni sono come un nulla davanti a lui, *
    come niente e vanità sono da lui ritenute.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    II Antifona
    Il Signore viene con potenza,
    porta con sé il premio.

    III Antifona
    Esaltate il Signore, nostro Dio,
    prostratevi davanti a lui.

    SALMO 98 Santo è il Signore Dio nostro
    Tu sei sopra i cherubini, tu che hai cambiato la miserabile condizione del mondo quando ti sei fatto come noi (sant'Atanasio)

    Il Signore regna, tremino i popoli; *
    siede sui cherubini, si scuota la terra.
    Grande è il Signore in Sion, *
    eccelso sopra tutti i popoli.

    Lodino il tuo nome grande e terribile, *
    perché è santo.

    Re potente che ami la giustizia, †
    tu hai stabilito ciò che è retto, *
    diritto e giustizia tu eserciti in Giacobbe.

    Esaltate il Signore nostro Dio, †
    prostratevi allo sgabello dei suoi piedi, *
    perché è santo.

    Mosè e Aronne tra i suoi sacerdoti, †
    Samuele tra quanti invocano il suo nome: *
    invocavano il Signore ed egli rispondeva.

    Parlava loro da una colonna di nubi: †
    obbedivano ai suoi comandi *
    e alla legge che aveva loro dato.

    Signore, Dio nostro, tu li esaudivi, †
    eri per loro un Dio paziente, *
    pur castigando i loro peccati.

    Esaltate il Signore nostro Dio, †
    prostratevi davanti al suo monte santo, *
    perché santo è il Signore, nostro Dio.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    III Antifona
    Esaltate il Signore, nostro Dio,
    prostratevi davanti a lui.

    Lettura Breve   Is 57, 17-21
    Per l'iniquità dei suoi guadagni mi sono adirato con il mio popolo, l'ho percosso, mi sono nascosto e sdegnato; eppure egli, voltandosi, se n'è andato per le strade del suo cuore. Ho visto le sue vie, ma voglio sanarlo, guidarlo e offrirgli consolazioni. E ai suoi afflitti io pongo sulle labbra: «Pace, pace ai lontani e ai vicini», dice il Signore, «io li guarirò». Gli empi sono come un mare agitato che non può calmarsi e le cui acque portan su melma e fango. Non v'è pace per gli empi, dice il mio Dio.

    Responsorio Breve
    R. Grande pace * per chi ama la tua legge.
    Grande pace per chi ama la tua legge.
    V. Seguire i tuoi comandi è gioia vera
    per chi ama la tua legge.
    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
    Grande pace per chi ama la tua legge.

    Antifona al Benedictus
    Se io scaccio i demoni
    con la forza di Dio,
    il suo regno è venuto tra voi,
    dice il Signore.

    CANTICO DI ZACCARIA Lc 1, 68-79
    Il Messia e il suo Precursore

    Benedetto il Signore Dio d'Israele, *
    perché ha visitato e redento il suo popolo,

    e ha suscitato per noi una salvezza potente *
    nella casa di Davide, suo servo,

    come aveva promesso *
    per bocca dei suoi santi profeti d'un tempo:

    salvezza dai nostri nemici, *
    e dalle mani di quanti ci odiano.

    Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri *
    e si è ricordato della sua santa alleanza,

    del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre, *
    di concederci, liberati dalle mani dei nemici,

    di servirlo senza timore, in santità e giustizia *
    al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

    E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell'Altissimo *
    perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

    per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza *
    nella remissione dei suoi peccati,

    grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio, *
    per cui verrà a visitarci dall'alto un sole che sorge,

    per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre *
    e nell'ombra della morte

    e dirigere i nostri passi *
    sulla via della pace.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona al Benedictus
    Se io scaccio i demoni
    con la forza di Dio,
    il suo regno è venuto tra voi,
    dice il Signore.

    INVOCAZIONE

    Il Cristo, luce del mondo, è venuto fra noi perché non camminiamo più nelle tenebre, ma abbiamo la luce della vita. A lui si innalzi la nostra lode e la nostra preghiera:
    La tua parola, Signore, sia luce ai miei passi.

    Signore fa' che oggi progrediamo alla scuola della tua bontà e diveniamo tuoi imitatori,
    - per ritrovare in te, nuovo Adamo, ciò che abbiamo perduto a causa del primo Adamo.

    La tua parola illumini sempre il nostro cammino,
    - perché viviamo nella verità e nella carità, per la perfezione del tuo corpo mistico.

    Insegnaci a fare del bene a tutti nel tuo nome,
    - perché la luce della tua Chiesa risplenda sempre più sull'umana famiglia.

    Donaci la grazia della conversione, perché espiamo le offese recate alla tua bontà e sapienza,
    - e otteniamo il bene inestimabile della tua amicizia.

    Padre nostro.
    Padre nostro, che sei nei cieli,
    sia santificato il Tuo nome,
    venga il Tuo Regno,
    sia fatta la Tua volontà,
    come in cielo così in terra.

    Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
    rimetti a noi i nostri debiti
    come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
    e non abbandonarci alla tentazione,
    ma liberaci dal male.

    ORAZIONE
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.
    R. Amen.


    _____________________________________________________________________________
    ORA MEDIA (terza)
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Inno
    O Spirito Paraclito,
    uno col Padre e il Figlio,
    discendi a noi benigno
    nell'intimo dei cuori.

    Voce e mente si accordino
    nel ritmo della lode,
    il tuo fuoco ci unisca
    in un'anima sola.

    O luce di sapienza,
    rivelaci il mistero
    del Dio trino ed unico,
    fonte d'eterno amore. Amen.

    Antifona
    Ecco i giorni della penitenza,
    tempo di perdono e di salvezza.

    SALMO 118, 113-120 XV (Samech)
    Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amati (Gv 15, 12).

    Detesto gli animi incostanti, *
    io amo la tua legge.
    Tu sei mio rifugio e mio scudo, *
    spero nella tua parola.

    Allontanatevi da me, o malvagi, *
    osserverò i precetti del mio Dio.
    Sostienimi secondo la tua parola e avrò vita, *
    non deludermi nella mia speranza.

    Sii tu il mio aiuto e sarò salvo, *
    gioirò sempre nei tuoi precetti.
    Tu disprezzi chi abbandona i tuoi decreti, *
    perché la sua astuzia è fallace.

    Consideri scorie tutti gli empi della terra, *
    perciò amo i tuoi insegnamenti.
    Tu fai fremere di spavento la mia carne, *
    io temo i tuoi giudizi.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 78, 1-5. 8-11. 13 Lamento per la distruzione di Gerusalemme
    Se avessi compreso anche tu, in questo giorno, la via della pace!... Non lasceranno in te pietra sopra pietra, perché non hai riconosciuto il tempo in cui sei stata visitata (Lc 19, 42.44).

    O Dio, nella tua eredità sono entrate le nazioni, †
    hanno profanato il tuo santo tempio, *
    hanno ridotto in macerie Gerusalemme.

    Hanno abbandonato i cadaveri dei tuoi servi
    in pasto agli uccelli del cielo, *
    la carne dei tuoi fedeli agli animali selvaggi.

    Hanno versato il loro sangue
    come acqua intorno a Gerusalemme, *
    e nessuno seppelliva.

    Siamo divenuti l'obbrobrio dei nostri vicini, *
    scherno e ludibrio di chi ci sta intorno.

    Fino a quando, Signore,
    sarai adirato: per sempre? *
    Arderà come fuoco la tua gelosia?

    Non imputare a noi le colpe dei nostri padri, †
    presto ci venga incontro la tua misericordia, *
    poiché siamo troppo infelici.

    Aiutaci, Dio, nostra salvezza, *
    per la gloria del tuo nome,
    salvaci e perdona i nostri peccati *
    per amore del tuo nome.

    Perché i popoli dovrebbero dire: *
    «Dov'è il loro Dio?».
    Si conosca tra i popoli, sotto i nostri occhi, *
    la vendetta per il sangue dei tuoi servi.

    Giunga fino a te il gemito dei prigionieri; †
    con la potenza della tua mano *
    salva i votati alla morte.

    E noi, tuo popolo
    e gregge del tuo pascolo, †
    ti renderemo grazie per sempre; *
    di età in età proclameremo la tua lode.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 79 Visita, o Signore, la tua vigna
    Vieni, Signore, Gesù (Ap 22, 20).

    Tu, pastore d'Israele, ascolta, *
    tu che guidi Giuseppe come un gregge.
    Assiso sui cherubini rifulgi *
    davanti a Efraim, Beniamino e Manasse.

    Risveglia la tua potenza *
    e vieni in nostro soccorso.

    Rialzaci, Signore, nostro Dio, *
    fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

    Signore, Dio degli eserciti, †
    fino a quando fremerai di sdegno *
    contro le preghiere del tuo popolo?

    Tu ci nutri con pane di lacrime, *
    ci fai bere lacrime in abbondanza.
    Ci hai fatto motivo di contesa per i vicini, *
    e i nostri nemici ridono di noi.

    Rialzaci, Dio degli eserciti, *
    fa’ risplendere il tuo volto e noi saremo salvi.

    Hai divelto una vite dall'Egitto, *
    per trapiantarla hai espulso i popoli.
    Le hai preparato il terreno, *
    hai affondato le sue radici e ha riempito la terra.

    La sua ombra copriva le montagne *
    e i suoi rami i più alti cedri.

    Ha esteso i suoi tralci fino al mare *
    e arrivavano al fiume i suoi germogli.

    Perché hai abbattuto la sua cinta *
    e ogni viandante ne fa vendemmia?
    La devasta il cinghiale del bosco *
    e se ne pasce l'animale selvatico.

    Dio degli eserciti, volgiti, *
    guarda dal cielo e vedi e visita questa vigna,
    proteggi il ceppo che la tua destra ha piantato, *
    il germoglio che ti sei coltivato.

    Quelli che l'arsero col fuoco e la recisero *
    periranno alla minaccia del tuo volto.
    Sia la tua mano sull'uomo della tua destra, *
    sul figlio dell'uomo che per te hai reso forte.

    Da te più non ci allontaneremo, *
    ci farai vivere e invocheremo il tuo nome.

    Rialzaci Signore, Dio degli eserciti, *
    fa’ splendere il tuo volto e noi saremo salvi.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Ecco i giorni della penitenza,
    tempo di perdono e di salvezza.

    Lettura Breve Is 55, 6-7
    Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino. L'empio abbandoni la sua via e l'uomo iniquo i suoi pensieri; ritorni al Signore che avrà misericordia di lui e al nostro Dio che largamente perdona.

    V. Un cuore puro crea in me, o Signore,
    R. rinnova in me uno spirito saldo.

    Orazione
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    R. Amen.
    Benediciamo il Signore.
    R. Rendiamo grazie a Dio.


    _____________________________________________________________________________
    ORA MEDIA (sesta)
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Inno
    Glorioso e potente Signore,
    che alterni i ritmi del tempo,
    irradi di luce il mattino
    e accendi di fuochi il meriggio,

    tu placa le tristi contese,
    estingui la fiamma dell'ira,
    infondi vigore alle membra,
    ai cuori concedi la pace.

    Sia gloria al Padre ed al Figlio,
    sia onore al Santo Spirito,
    all'unico e trino Signore
    sia lode nei secoli eterni. Amen

    Antifona
    Io sono il Vivente, dice il Signore:
    non voglio la morte del peccatore,
    ma che si converta e viva.

    SALMO 122 La fiducia del popolo è nel Signore
    Due ciechi... gridano: Signore, abbi pietà di noi, figlio di Davide (Mt 20, 30).

    A te levo i miei occhi, *
    a te che abiti nei cieli.

    Ecco, come gli occhi dei servi
    alla mano dei loro padroni; *
    come gli occhi della schiava
    alla mano della sua padrona,
    così i nostri occhi sono rivolti al Signore nostro Dio, *
    finché abbia pietà di noi.

    Pietà di noi, Signore, pietà di noi, *
    già troppo ci hanno colmato di scherni,
    noi siamo troppo sazi degli scherni dei gaudenti, *
    del disprezzo dei superbi.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 123 Il nostro aiuto è nel nome del Signore
    Il Signore disse a Paolo: «Non aver paura... perché io sono con te» (At 18, 9-10).

    Se il Signore non fosse stato con noi,
    — lo dica Israele —  †
    se il Signore non fosse stato con noi, *
    quando uomini ci assalirono,

    ci avrebbero inghiottiti vivi, *
    nel furore della loro ira.

    Le acque ci avrebbero travolti; †
    un torrente ci avrebbe sommersi, *
    ci avrebbero travolti acque impetuose.

    Sia benedetto il Signore, *
    che non ci ha lasciati in preda ai loro denti.

    Noi siamo stati liberati come un uccello *
    dal laccio dei cacciatori:

    il laccio si è spezzato *
    e noi siamo scampati.
    Il nostro aiuto è nel nome del Signore, *
    che ha fatto cielo e terra.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 124 Il Signore custodisce il suo popolo
    Pace e misericordia su tutto Israele di Dio (Gal 6, 16).

    Chi confida nel Signore è come il monte Sion: *
    non vacilla, è stabile per sempre.

    I monti cingono Gerusalemme: †
    il Signore è intorno al suo popolo, *
    ora e sempre.

    Egli non lascerà pesare lo scettro degli empi *
    sul possesso dei giusti,
    perché i giusti non stendano le mani *
    a compiere il male.

    La tua bontà, Signore, sia con i buoni *
    e con i retti di cuore.

    Quelli che vanno per sentieri tortuosi †
    il Signore li accomuni alla sorte dei malvagi. *
    Pace su Israele!

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Io sono il Vivente, dice il Signore:
    non voglio la morte del peccatore,
    ma che si converta e viva.

    Lettura Breve Dt 30, 2-3
    Se ti convertirai al Signore tuo Dio e obbedirai alla sua voce, tu e i tuoi figli, con tutto il cuore e con tutta l'anima, secondo quanto oggi ti comando, allora il Signore tuo Dio farà tornare i tuoi deportati, avrà pietà di te e ti raccoglierà di nuovo da tutti i popoli, in mezzo ai quali il Signore tuo Dio ti aveva disperso.

    V. Dai miei peccati distogli lo sguardo,
    R. cancella tutte le mie colpe.

    Orazione
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    R. Amen.
    Benediciamo il Signore.
    R. Rendiamo grazie a Dio.


    _____________________________________________________________________________
    ORA MEDIA (nona)
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Inno
    Signore, forza degli esseri,
    Dio immutabile, eterno,
    tu segni i ritmi del mondo:
    i giorni, i secoli, il tempo.

    Irradia di luce la sera,
    fa' sorgere oltre la morte,
    nello splendore dei cieli,
    il giorno senza tramonto.

    Sia lode al Padre altissimo,
    al Figlio e al Santo Spirito,
    com'era nel principio,
    ora e nei secoli eterni. Amen.

    Antifona
    Siamo saldi nella prova:
    nostra forza è la giustizia di Dio.

    SALMO 125 Dio nostra gioia e nostra speranza
    Come siete partecipi delle sofferenze, così anche delle consolazioni (2 Cor 1, 7).

    Quando il Signore ricondusse i prigionieri di Sion, *
    ci sembrava di sognare.
    Allora la nostra bocca si aprì al sorriso, *
    la nostra lingua si sciolse in canti di gioia.

    Allora si diceva tra i popoli: *
    «Il Signore ha fatto grandi cose per loro».
    Grandi cose ha fatto il Signore per noi, *
    ci ha colmati di gioia.

    Riconduci, Signore, i nostri prigionieri, *
    come i torrenti del Negheb.
    Chi semina nelle lacrime *
    mieterà con giubilo.

    Nell'andare, se ne va e piange, *
    portando la semente da gettare,
    ma nel tornare, viene con giubilo, *
    portando i suoi covoni.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 126 Ogni fatica è vana senza il Signore  
    Né chi pianta, né chi irriga è qualche cosa, ma è Dio che fa crescere. Voi siete campo di Dio, l'edificio di Dio (1 Cor 3, 7.9).

    Se il Signore non costruisce la casa, *
    invano vi faticano i costruttori.
    Se la città non è custodita dal Signore *
    invano veglia il custode.

    Invano vi alzate di buon mattino, †
    tardi andate a riposare
    e mangiate pane di sudore: *
    il Signore ne darà ai suoi amici nel sonno.

    Ecco, dono del Signore sono i figli, *
    è sua grazia il frutto del grembo.
    Come frecce in mano a un eroe *
    sono i figli della giovinezza.

    Beato l'uomo *
    che piena ne ha la farètra:
    non resterà confuso quando verrà alla porta *
    a trattare con i propri nemici.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    SALMO 127 La pace di Dio nella famiglia fedele
    « Il Signore ti benedica da Sion » cioè dalla sua Chiesa (Arnobio).

    Beato l'uomo che teme il Signore *
    e cammina nelle sue vie.
    Vivrai del lavoro delle tue mani, *
    sarai felice e godrai d'ogni bene.

    La tua sposa come vite feconda *
    nell'intimità della tua casa;
    i tuoi figli come virgulti d'ulivo *
    intorno alla tua mensa.

    Così sarà benedetto l'uomo che teme il Signore. *
    Ti benedica il Signore da Sion!
    Possa tu vedere la prosperità di Gerusalemme *
    per tutti i giorni della tua vita.

    Possa tu vedere i figli dei tuoi figli. *
    Pace su Israele!

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Siamo saldi nella prova:
    nostra forza è la giustizia di Dio.

    Lettura Breve Eb 10, 35-36
    Non abbandonate la vostra fiducia, alla quale è riservata una grande ricompensa. Avete solo bisogno di costanza, perché dopo aver fatto la volontà di Dio possiate raggiungere la promessa.

    V. Un animo pentito tu gradisci, o Dio,
    R. non disprezzi un cuore affranto e umiliato.

    Orazione
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    R. Amen.
    Benediciamo il Signore.
    R. Rendiamo grazie a Dio.


    ______________________________________________________________________________
    VESPRI
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima

    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Inno
    Accogli, o Dio pietoso,
    le preghiere e le lacrime
    che il tuo popolo effonde
    in questo tempo santo.

    Tu che scruti e conosci
    i segreti dei cuori,
    concedi ai penitenti
    la grazia del perdono.

    Grande è il nostro peccato,
    ma più grande è il tuo amore:
    cancella i nostri debiti
    a gloria del tuo nome.

    Risplenda la tua lampada
    sopra il nostro cammino,
    la tua mano ci guidi
    alla meta pasquale.

    Ascolta, o Padre altissimo,
    tu che regni nei secoli
    con il Cristo tuo Figlio
    e lo Spirito Santo. Amen.

      Oppure:

    Audi, benígne Cónditor,
    nostras preces cum flétibus,
    sacráta in abstinéntia
    fusas quadragenária.

      Scrutátor alme córdium,
    infírma tu scis vírium;
    ad te revérsis éxhibe
    remissiónis grátiam.

      Multum quidem peccávimus,
    sed parce confiténtibus,
    tuíque laude nóminis
    confer medélam lánguidis.

      Sic corpus extra cónteri
    dona per abstinéntiam,
    ieiúnet ut mens sóbria
    a labe prorsus críminum.

      Præsta, beáta Trínitas,
    concéde, simplex Unitas,
    ut fructuósa sint tuis
    hæc parcitátis múnera. Amen.

    I Antifona
    Alle porte della tua casa, o Dio,
    i tuoi fedeli cantino di gioia.

    SALMO 131, 1-10 (I) Le promesse divine fatte a Davide
    Il Signore gli darà il trono di Davide suo padre (Lc 1, 32).

    Ricordati, Signore, di Davide, *
    di tutte le sue prove,
    quando giurò al Signore, *
    al Potente di Giacobbe fece voto:

    «Non entrerò sotto il tetto della mia casa, *
    non mi stenderò sul mio giaciglio,
    non concederò sonno ai miei occhi *
    né riposo alle mie palpebre,

    finché non trovi una sede per il Signore, *
    una dimora per il Potente di Giacobbe».

    Ecco, abbiamo saputo che era in Efrata, *
    l'abbiamo trovata nei campi di Iàar.
    Entriamo nella sua dimora, *
    prostriamoci allo sgabello dei suoi piedi.

    Alzati, Signore, verso il luogo del tuo riposo, *
    tu e l'arca della tua potenza.
    I tuoi sacerdoti si vestano di giustizia, *
    i tuoi fedeli cantino di gioia.

    Per amore di Davide tuo servo *
    non respingere il volto del tuo consacrato.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    I Antifona
    Alle porte della tua casa, o Dio,
    i tuoi fedeli cantino di gioia.

    II Antifona
    Il Signore ha scelto Sion
    per sua dimora.

    SALMO 131, 11-18 (II) Elezione di Davide e di Sion
    Ora appunto ad Abramo e alla sua discendenza furono fatte le promesse... cioè a Cristo (Gal 3, 16)

    Il Signore ha giurato a Davide †
    e non ritratterà la sua parola: *
    «Il frutto delle tue viscere
    io metterò sul tuo trono!

    Se i tuoi figli custodiranno la mia alleanza †
    e i precetti che insegnerò ad essi, *
    anche i loro figli per sempre
    sederanno sul tuo trono».

    Il Signore ha scelto Sion, *
    l'ha voluta per sua dimora:
    «Questo è il mio riposo per sempre; *
    qui abiterò, perché l'ho desiderato.

    Benedirò tutti i suoi raccolti, *
    sazierò di pane i suoi poveri.
    Rivestirò di salvezza i suoi sacerdoti, *
    esulteranno di gioia i suoi fedeli.

    Là farò germogliare la potenza di Davide, *
    preparerò una lampada al mio consacrato.
    Coprirò di vergogna i suoi nemici, *
    ma su di lui splenderà la corona».

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    II Antifona
    Il Signore ha scelto Sion
    per sua dimora.

    III Antifona
    Il Signore gli ha dato
    il potere, la gloria e il regno:
    tutti i popoli serviranno a lui.

    CANTICO Ap 11, 17-18; 12, 10b-12a Il giudizio di Dio

    Noi ti rendiamo grazie,
    Signore Dio onnipotente, *
    che sei e che eri,

    perché hai messo mano
    alla tua grande potenza, *
    e hai instaurato il tuo regno.

    Le genti fremettero, †
    ma è giunta l'ora della tua ira, *
    il tempo di giudicare i morti,

    di dare la ricompensa ai tuoi servi, †
    ai profeti e ai santi *
    e a quanti temono il tuo nome, piccoli e grandi.

    Ora si è compiuta la salvezza,
    la forza e il regno del nostro Dio *
    e la potenza del suo Cristo,

    poiché è stato precipitato l'Accusatore; †
    colui che accusava i nostri fratelli, *
    davanti al nostro Dio giorno e notte.

    Essi lo hanno vinto per il sangue dell'Agnello †
    e la testimonianza del loro martirio, *
    perché hanno disprezzato la vita fino a morire.

    Esultate, dunque, o cieli, *
    rallegratevi e gioite,
    voi tutti che abitate in essi.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    III Antifona
    Il Signore gli ha dato
    il potere, la gloria e il regno:
    tutti i popoli serviranno a lui.

    Lettura Breve Rm 1, 18-20
    L'ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà e ogni ingiustizia di uomini che soffocano la verità nell'ingiustizia, poiché ciò che di Dio si può conoscere è loro manifesto; Dio stesso lo ha loro manifestato. Infatti, dalla creazione del mondo in poi, le sue perfezioni invisibili possono essere contemplate con l'intelletto nelle opere da lui compiute, come la sua eterna potenza e divinità.

    Responsorio Breve
    R. Fammi conoscere la via dei tuoi precetti: * mediterò i tuoi prodigi.
    Fammi conoscere la via dei tuoi precetti: mediterò i tuoi prodigi.
    V. Insegnami, o Dio, i tuoi voleri:
    mediterò i tuoi prodigi.
    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
    Fammi conoscere la via dei tuoi precetti: mediterò i tuoi prodigi.

    Antifona al Magnificat
    Beato il grembo che ti ha portato,
    e il seno che ti ha nutrito.
    Si, ma soprattutto beato
    chi ascolta e custodisce la parola di Dio.

    CANTICO DELLA BEATA VERGINE (Lc 1, 46-55) Esultanza dell'anima nel Signore

    L'anima mia magnifica il Signore *
    e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

    perché ha guardato l'umiltà della sua serva. *
    D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

    Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente *
    e Santo è il suo nome:

    di generazione in generazione la sua misericordia *
    si stende su quelli che lo temono.

    Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
    ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

    ha rovesciato i potenti dai troni, *
    ha innalzato gli umili;

    ha ricolmato di beni gli affamati, *
    ha rimandato i ricchi a mani vuote.

    Ha soccorso Israele, suo servo, *
    ricordandosi della sua misericordia,

    come aveva promesso ai nostri padri, *
    ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona al Magnificat
    Beato il grembo che ti ha portato,
    e il seno che ti ha nutrito.
    Si, ma soprattutto beato
    chi ascolta e custodisce la parola di Dio.

    INTERCESSIONE
    Il Cristo Signore ci ha dato il comandamento nuovo di amarci gli uni gli altri come egli ci ha amato. Chiediamo la grazia di essere fedeli a questa legge fondamentale della vita cristiana:
    Accresci nel tuo popolo la carità, o Signore.

    Maestro buono, insegnaci ad amare te nei nostri fratelli,
    - e a far loro del bene nel tuo nome.

    Tu che sulla croce hai chiesto il perdono per i tuoi crocifissori,
    - aiutaci ad amare anche i nemici e a pregare per coloro che ci affliggono.

    Per il mistero del tuo corpo e del tuo sangue, accresci in noi la fortezza, la fiducia e l'amore,
    - rafforza i deboli, consola gli afflitti, dona la tua speranza ai morenti.

    Tu che hai ridato la vista al cieco nato, alla piscina di Siloe,
    - illumina i catecumeni con il lavacro battesimale nella parola di vita.

    Sazia i nostri fratelli defunti con il tuo eterno amore,
    - ammetti un giorno anche noi nell'assemblea gioiosa degli eletti.

    Padre nostro.
    Padre nostro, che sei nei cieli,
    sia santificato il Tuo nome,
    venga il Tuo Regno,
    sia fatta la Tua volontà,
    come in cielo così in terra.

    Dacci oggi il nostro pane quotidiano,
    rimetti a noi i nostri debiti
    come anche noi li rimettiamo ai nostri debitori,
    e non abbandonarci alla tentazione,
    ma liberaci dal male.

    ORAZIONE
    Dio grande e misericordioso, quanto più si avvicina la festa della nostra redenzione, tanto più cresca in noi il fervore per celebrare santamente la Pasqua del tuo Figlio. Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.
    R. Amen.


    ______________________________________________________________________________
    COMPIETA
    Giovedì della 3° settimana del tempo di Quaresima


    V. O Dio, vieni a salvarmi.
    R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Esame di coscienza
    Confesso a Dio onnipotente e a voi, fratelli, che ho molto peccato in pensieri, parole, opere e omissioni, per mia colpa mia colpa, mia grandissima colpa. E supplico la beata sempre vergine Maria, gli angeli, i santi e voi, fratelli, di pregare per me il Signore Dio nostro.

    Dio onnipotente abbia misericordia di noi perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

    Inno
    Gesù, luce da luce,
    sole senza tramonto,
    tu rischiari le tenebre
    nella notte del mondo.

    In te, santo Signore,
    noi cerchiamo il riposo
    dall'umana fatica,
    al termine del giorno.

    Se i nostri occhi si chiudono,
    veglia in te il nostro cuore;
    la tua mano protegga
    coloro che in te sperano.

    Difendi, o Salvatore,
    dalle insidie del male
    i figli che hai redenti
    col tuo sangue prezioso.

    A te sia gloria, o Cristo,
    nato da Maria vergine,
    al Padre e allo Spirito
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Nelle tue mani è la mia vita, o Dio;
    anche il mio corpo riposa al sicuro.

    SALMO 15 Il Signore è mia eredità
    Dio ha resuscitato Gesù, sciogliendolo dalle angosce della morte (At 2, 24).

    Proteggimi, o Dio: *
    in te mi rifugio.
    Ho detto a Dio: «Sei tu il mio Signore, *
    senza di te non ho alcun bene».

    Per i santi, che sono sulla terra, uomini nobili, *
    è tutto il mio amore.

    Si affrettino altri a costruire idoli: †
    io non spanderò le loro libazioni di sangue, *
    né pronunzierò con le mie labbra i loro nomi.

    Il Signore è mia parte di eredità e mio calice: *
    nelle tue mani è la mia vita.
    Per me la sorte è caduta su luoghi deliziosi, *
    la mia eredità è magnifica.

    Benedico il Signore che mi ha dato consiglio; *
    anche di notte il mio cuore mi istruisce.
    Io pongo sempre innanzi a me il Signore, *
    sta alla mia destra, non posso vacillare.

    Di questo gioisce il mio cuore, †
    esulta la mia anima; *
    anche il mio corpo riposa al sicuro,

    perché non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, *
    né lascerai che il tuo santo veda la corruzione.

    Mi indicherai il sentiero della vita, †
    gioia piena nella tua presenza, *
    dolcezza senza fine alla tua destra.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Nelle tue mani è la mia vita, o Dio;
    anche il mio corpo riposa al sicuro.

    Lettura breve 1Ts 5,23
    Il Dio della pace vi santifichi fino alla perfezione; e tutto quello che è vostro, spirito, anima e corpo, si conservi irreprensibile per la venuta del Signore nostro Gesù Cristo.

    Responsorio Breve
    R. Signore, * nelle tue mani affido il mio spirito.
    Signore, nelle tue mani affido il mio spirito.
    V. Dio di verità, tu mi hai redento:
    nelle tue mani affido il mio spirito.

    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
    Signore, nelle tue mani affido il mio spirito.

    Antifona
    Nella veglia salvaci, Signore,
    nel sonno non ci abbandonare:
    il cuore vegli con Cristo
    e il corpo riposi nella pace.

    CANTICO di SIMEONE Lc 2,29-32

    Cristo, luce delle genti e gloria di Israele

    Ora lascia, o Signore, che il tuo servo *
    vada in pace secondo la tua parola;

    perché i miei occhi han visto la tua salvezza *
    preparata da te davanti a tutti i popoli,

    luce per illuminare le genti *
    e gloria del tuo popolo Israele.

    Gloria al Padre e al Figlio
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Antifona
    Nella veglia salvaci, Signore,
    nel sonno non ci abbandonare:
    il cuore vegli con Cristo
    e il corpo riposi nella pace.

    Orazione
    Signore Dio nostro, donaci un sonno tranquillo, perché ristorati dalle fatiche del giorno, ci dedichiamo corpo e anima al tuo servizio. Per Cristo nostro Signore.

    BENEDIZIONE FINALE
    Il Signore ci conceda una notte serena e un riposo tranquillo.
    R. Amen.

    Antifona della beata Vergine Maria

    Una delle seguenti...

    O santa Madre del Redentore,
    porta dei cieli, stella del mare,
    soccorri il tuo popolo
    che anela a risorgere.
    Tu che accogliendo il saluto dell'angelo,
    nello stupore di tutto il creato,
    hai generato il tuo Creatore,
    madre sempre vergine,
    pietà di noi peccatori.

    Ave, regina dei cieli,
    ave, signora degli angeli;
    porta e radice di salvezza,
    rechi nel mondo la luce.
    Godi, vergine gloriosa,
    bella fra tutte le donne;
    salve, o tutta santa,
    prega per noi Cristo Signore.

    Salve, o Regina, madre di misericordia;
    vita, dolcezza e speranza nostra, salve.
    A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva:
    a te sospiriamo gementi e piangenti
    in questa valle di lacrime.
    Orsù dunque, avvocata nostra,
    rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi.
    E mostraci dopo questo esilio Gesù,
    il frutto benedetto del tuo seno.
    O clemente, o pia, o dolce Vergine Maria.

    Ave, o Maria, piena di grazia,
    il Signore è con te.
    Tu sei benedetta fra le donne,
    e benedetto è il frutto del tuo seno, Gesù.
    Santa Maria, Madre di Dio,
    prega per noi peccatori,
    adesso e nell’ora della nostra morte. Amen.

    Sotto la tua protezione troviamo rifugio,
    santa Madre di Dio:
    non disprezzare le suppliche
    di noi che siamo nella prova,
    e liberaci da ogni pericolo,
    o vergine gloriosa e benedetta.

    ______________________________________________________________________________
Liturgia





On