Venerdì 19-11.2021

Lit Ore Rito A


Notizie Giornali Italia

--:--   --:--
Brian Browne Trio - Blue Browne
La Parola



      ______________________________________________________________________________

      Lettura del Giorno

      Dal primo libro dei Maccabèi
      1Mac 4,36-37.52-59

      In quei giorni, Giuda e i suoi fratelli dissero: «Ecco, sono stati sconfitti i nostri nemici: andiamo a purificare il santuario e a riconsacrarlo». Così si radunò tutto l’esercito e salirono al monte Sion.
      Si radunarono il mattino del venticinque del nono mese, cioè il mese di Chisleu, nell’anno centoquarantotto, e offrirono il sacrificio secondo la legge sul nuovo altare degli olocausti che avevano costruito. Nella stessa stagione e nello stesso giorno in cui l’avevano profanato i pagani, fu riconsacrato fra canti e suoni di cetre e arpe e cimbali. Tutto il popolo si prostrò con la faccia a terra, e adorarono e benedissero il Cielo che era stato loro propizio.
      Celebrarono la dedicazione dell’altare per otto giorni e offrirono olocausti con gioia e sacrificarono vittime di ringraziamento e di lode. Poi ornarono la facciata del tempio con corone d’oro e piccoli scudi. Rifecero i portoni e le celle sacre, munendole di porte.
      Grandissima fu la gioia del popolo, perché era stata cancellata l’onta dei pagani.
      Giuda, i suoi fratelli e tutta l’assemblea d’Israele, poi, stabilirono che si celebrassero i giorni della dedicazione dell’altare nella loro ricorrenza, ogni anno, per otto giorni, cominciando dal venticinque del mese di Chisleu, con gioia ed esultanza.
      Vangelo del Giorno

      Dal Vangelo secondo Luca
      Lc 19,45-48

      In quel tempo, Gesù, entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano, dicendo loro: «Sta scritto: "La mia casa sarà casa di preghiera". Voi invece ne avete fatto un covo di ladri».
      Ogni giorno insegnava nel tempio. I capi dei sacerdoti e gli scribi cercavano di farlo morire e così anche i capi del popolo; ma non sapevano che cosa fare, perché tutto il popolo pendeva dalle sue labbra nell’ascoltarlo.
      Parole del Santo Padre

      I capi del Tempio, i capi dei sacerdoti – dice il Vangelo – e gli scribi avevano cambiato un po’ le cose. Erano entrati in un processo di degrado e avevano reso ‘sporco’ il Tempio. Avevano sporcato il Tempio! Il Tempio è un’icona della Chiesa. La Chiesa sempre – sempre! – subirà la tentazione della mondanità e la tentazione di un potere che non è il potere che Gesù Cristo vuole per lei! Gesù non dice: ‘No, non si fa questo. Fatelo fuori’. Dice: ‘Voi avete fatto un covo di ladri qui!’. E quando la Chiesa entra in questo processo di degrado la fine è molto brutta. Molto brutta! (Omelia da Santa Marta, 20 novembre 2015)


      ______________________________________________________________________________

Abdia

        Nome: Sant' Abdia Titolo: Profeta Nascita: IV secolo a.C., Sconosciuto Morte: IV secolo a.C., Sconosciuto Ricorrenza: 19 novembre Tipologia: Commemorazione

        Abdia Profeta biblico vissuto nel sec. IV a.C. Di Abdia non si hanno notizie documentate. Ad Abdia viene attribuito l'omonimo libro dell'Antico Testamento, ritenuto canonico sia dalla tradizione ebraica (che lo colloca tra i profeti posteriori), sia da quella cristiana (che lo annovera tra i libri profetici, uno dei dodici profeti minori). Il testo di Abdia, che è il più breve degli scritti veterotestamentari, presenta numerose difficoltà di interpretazione, connesse con il problema dell'autore, della data e dell'unità di composizione. Profetizza il castigo degli Edomiti e la restaurazione di Israele nel giorno di Jahvè. Il tema centrale del libro è rappresentato dal rapporto tra Israele ed Edom, la cui sorte dipende da quella di Israele, "popolo eletto". A questa particolare visione viene data una valenza universalista, in quanto il destino di Edom viene considerato esemplare per tutte le nazioni del inondo. Il messaggio del libro di Abdia trova un immediato collegamento con Romani 9-11.

        MARTIROLOGIO ROMANO. Commemorazione di sant’Abdia, profeta, che, dopo l’esilio del popolo d’Israele, preannunciò l’ira del Signore contro le genti nemiche.
Ave Maria MOSE' ELIA ABRAMO FRANCESCO Girolamo

______________________________________________________________________________

DIVINA MISERICORDIA

La Bellezza Della Fede
Karol
Indice




On