02/02/2022



Notizie Giornali Italia

--:--   --:--
Brian Browne Trio - Blue Browne
La Parola


Don Luigi Fantoni

Anna Maria Taigi


      ______________________________________________________________________________

      Lettura del Giorno

      II Domenica dopo Natale

      Prima Lettura

      Dal libro del Siràcide
      Sir 24,1-4.12-16 (NV) [gr. 24,1-2.8-12]

      La sapienza fa il proprio elogio,
      in Dio trova il proprio vanto,
      in mezzo al suo popolo proclama la sua gloria.
      Nell'assemblea dell'Altissimo apre la bocca,
      dinanzi alle sue schiere proclama la sua gloria,
      in mezzo al suo popolo viene esaltata,
      nella santa assemblea viene ammirata,
      nella moltitudine degli eletti trova la sua lode
      e tra i benedetti è benedetta, mentre dice:
      «Allora il creatore dell'universo mi diede un ordine,
      colui che mi ha creato mi fece piantare la tenda e mi disse:
      "Fissa la tenda in Giacobbe e prendi eredità in Israele,
      affonda le tue radici tra i miei eletti" .
      Prima dei secoli, fin dal principio,
      egli mi ha creato, per tutta l'eternità non verrò meno.
      Nella tenda santa davanti a lui ho officiato
      e così mi sono stabilita in Sion.
      Nella città che egli ama mi ha fatto abitare
      e in Gerusalemme è il mio potere.
      Ho posto le radici in mezzo a un popolo glorioso,
      nella porzione del Signore è la mia eredità,
      nell'assemblea dei santi ho preso dimora».

       

      Seconda Lettura

      Dalla lettera di san Paolo apostolo agli Efesini
      Ef 1,3-6.15-18

      Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo. In lui ci ha scelti prima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità, predestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo, secondo il disegno d'amore della sua volontà, a lode dello splendore della sua grazia, di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.
      Perciò anch'io [Paolo], avendo avuto notizia della vostra fede nel Signore Gesù e dell'amore che avete verso tutti i santi, continuamente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie preghiere, affinché il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi.

      Vangelo del Giorno

      Dal vangelo secondo Giovanni
      Gv 1,1-18

      [In principio era il Verbo,
      e il Verbo era presso Dio
      e il Verbo era Dio.
      Egli era, in principio, presso Dio:
      tutto è stato fatto per mezzo di lui
      e senza di lui nulla è stato fatto di ciò che esiste.
      In lui era la vita
      e la vita era la luce degli uomini;
      la luce splende nelle tenebre
      e le tenebre non l'hanno vinta.]
      Venne un uomo mandato da Dio:
      il suo nome era Giovanni.
      Egli venne come testimone
      per dare testimonianza alla luce,
      perché tutti credessero per mezzo di lui.
      Non era lui la luce,
      ma doveva dare testimonianza alla luce.
      [Veniva nel mondo la luce vera,
      quella che illumina ogni uomo.
      Era nel mondo
      e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
      eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
      Venne fra i suoi,
      e i suoi non lo hanno accolto.
      A quanti però lo hanno accolto
      ha dato potere di diventare figli di Dio:
      a quelli che credono nel suo nome,
      i quali, non da sangue
      né da volere di carne
      né da volere di uomo,
      ma da Dio sono stati generati.
      E il Verbo si fece carne
      e venne ad abitare in mezzo a noi;
      e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
      gloria come del Figlio unigenito che viene dal Padre,
      pieno di grazia e di verità.]
      Giovanni gli dà testimonianza e proclama:
      «Era di lui che io dissi:
      Colui che viene dopo di me
      è avanti a me,
      perché era prima di me».
      Dalla sua pienezza
      noi tutti abbiamo ricevuto:
      grazia su grazia.  
      Perché la Legge fu data per mezzo di Mosè,
      la grazia e la verità vennero per mezzo di Gesù Cristo.
      Dio, nessuno lo ha mai visto:
      il Figlio unigenito, che è Dio
      ed è nel seno del Padre,
      è lui che lo ha rivelato.

      Parole del Santo Padre

      È l’invito della santa Madre Chiesa ad accogliere questa Parola di salvezza, questo mistero di luce. Se lo accogliamo, se accogliamo Gesù, cresceremo nella conoscenza e nell’amore del Signore, impareremo ad essere misericordiosi come Lui. (Angelus, 3 gennaio 2016)


      ______________________________________________________________________________

Basilio e Gregorio


         Santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno Vescovi e dottori della Chiesa

        2 gennaio

        IV secolo

        Basilio nacque intorno al 330 a Cesarea di Cappadocia. Compiuti gli studi inferiori in patria, andò a perfezionarsi prima a Costantinopoli, poi ad Atene, dove ebbe per compagno Gregorio di Nazianzo. Ritornato in patria, si dedicò alla vita ascetica. Costruì un monastero e compose 2 regole: una più estesa, l'altra più breve. Per questo è considerato l'organizzatore della vita monastica in Asia Minore. Presto, però, il suo vescovo lo volle come collaboratore e alla sua morte, nel 370, venne chiamato a succedergli. Basilio prese molto sul serio il suo ufficio di vescovo di Cesarea e primate della Cappadocia. Anzitutto sul piano dottrinale diede un contributo decisivo alla precisazione del dogma trinitario e alla definizione della divinità dello Spirito Santo. Intervenne poi nella vita della Chiesa denunciando gli abusi e adoperandosi per far eleggere vescovi degni del proprio ruolo. Lottò poi contro la miseria ed organizzò istituzioni di beneficenza aperte a tutti. Il figlio di una eminente e facoltosa famiglia divenne così difensore e padre dei poveri. Uomo di cultura, Basilio aiutò i cristiani a superare la sfiducia verso l'eredità greco-latina. Nel Trattato ai giovani difese l'esigenza di una buona formazione classica come presupposto dello studio della Bibbia e della teologia. Dottore della Chiesa, Basilio è una delle più belle figure di cristiano, monaco e vescovo.

        Insieme a lui, la Chiesa ricorda oggi Gregorio di Nazianzo, a Basilio legato da amicizia, dall'amore allo studio, dalla dignità episcopale. Fu vescovo di Sásima, di Costantinopoli e di Nazianzo. Poco dotato per il governo, Gregorio ebbe sensibilità poetica che mise al servizio della riflessione teologica. Viene chiamato "il teologo" per il profondo senso del mistero di Dio.

        Martirologio Romano: Memoria dei santi Basilio Magno e Gregorio Nazianzeno, vescovi e dottori della Chiesa. Basilio, vescovo di Cesarea in Cappadocia, detto Magno per dottrina e sapienza, insegnò ai suoi monaci la meditazione delle Scritture e il lavoro nell’obbedienza e nella carità fraterna e ne disciplinò la vita con regole da lui stesso composte; istruì i fedeli con insigni scritti e rifulse per la cura pastorale dei poveri e dei malati; morì il primo di gennaio. Gregorio, suo amico, vescovo di Sásima, quindi di Costantinopoli e infine di Nazianzo, difese con grande ardore la divinità del Verbo e per questo motivo fu chiamato anche il Teologo. Si rallegra la Chiesa nella comune memoria di così grandi dottori.
Ave Maria MOSE' ELIA ABRAMO FRANCESCO Girolamo

______________________________________________________________________________

DIVINA MISERICORDIA

La Bellezza Della Fede


La grande promessa di San Giuseppe

Fra Giovanni da Fano (1469-1539), uno dei promotori della riforma che diede origine al nuovo ramo francescano dei Cappuccini, scrive di aver appreso da un frate Minore dell’Osservanza, degno di fere, come San Giuseppe, dopo aver salvato da sicura morte per naufragio due frati del detto ordine, disse loro:

” Io sono San Giuseppe, degnissimo Sposo Della beatissima Madre di Dio, al quale tanto vi siete raccomandati […] Qualunque persona dirà ogni giorno, tutto un anno, sette Padre Nostro e sette Ave Maria a riverenza dei sette dolori che io ebbi nel mondo, otterrà da Dio ogni grazia, purché sia giusta

PRIMO “DOLORE E GIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore e la gioia che provasti nel mistero dell’Incarnazione del Figlio di Dio nel grembo della Beata Vergine Maria, ottienici la grazia della confidenza in Dio. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

SECONDO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore che provasti nel veder nascere in tanta povertà il Bambino Gesù e per la gioia che sentisti vedendolo adorare dagli Angeli, ottienici la grazia di accostarci alla Santa Comunione con fede, umiltà e amore. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

TERZO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore che provasti nel circoncidere il Divino Bambino e per la gioia che sentisti nell’imporgli il nome di “Gesù”, ordinato dall’Angelo, ottienici la grazia di togliere dal cuore tutto ciò che dispiace a Dio. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

QUARTO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore e la gioia che provasti nell’udire la profezia del santo vecchio Simeone, che annunciava da una parte la perdizione e dall’altra la salvezza di tante anime, a seconda del loro atteggiamento nei riguardi di Gesù, che stringeva Bambino fra le sua braccia, ottienici la grazia di meditare con amore le pene di Gesù e i dolori di Maria. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

QUINTO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore che provasti nella fuga in Egitto e per la gioia che sentisti avendo sempre con te lo stesso Dio insieme alla sua Madre, ottienici la grazia di compiere con fedeltà e amore tutti i nostri doveri. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

SESTO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore che provasti nell’udire che regnavano ancora, nella terra di Giudea, i persecutori del Bambino Gesù e per la gioia che sentisti nel far ritorno nella tua casa di Nazareth, in terra più sicura di Galilea, ottienici la grazia dell’uniformità ai voleri di Dio. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

SETTIMO “DOLOREGIOIA”

O glorioso S. Giuseppe, per il dolore che provasti nello smarrimento del fanciullo Gesù e per la gioia che sentisti nel ritrovarlo, ottienici la grazia di condurre una buona vita e di fare una santa morte. (breve pausa di meditazione) Pater, Ave, Gloria.

Indice




On