MATTUTINO


Orazione in silenzio (per lo spazio di tre Ave Maria, o poco più).

Segno della croce.

V. Signore apri le mie labbra.
R. E la mia bocca proclami la tua lode.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Alleluia

INVITATORIO
Rallégrati, Maria, piena di grazia,
il Signore è con te.

Salmo 94
Invito a lodare Dio

Ascoltate oggi la sua voce
Venite, cantiamo al Signore, *
acclamiamo la roccia
della nostra salvezza.

Accostiamoci a lui per rendergli grazie, *
a lui acclamiamo con canti di gioia.


Rallégrati, Maria, piena di grazia,
il Signore è con te.

Perché grande Dio è il Signore, *
grande re sopra tutti gli dèi.

Nella sua mano
sono gli abissi della terra, *
sono sue le vette dei monti.

Suo è il mare, è lui che l’ha fatto, *
le sue mani hanno plasmato la terra.

Il Signore è con te.

Entrate, prostràti, adoriamo, *
in ginocchio davanti al Signore
che ci ha fatti.

È lui il nostro Dio
e noi il popolo del suo pascolo, *
il gregge che egli conduce.

Rallégrati, Maria, piena di grazia, il Signore è con te.

Se ascoltaste oggi la sua voce! *
«Non indurite il cuore come a Meriba, *
come nel giorno di Massa nel deserto,

dove mi tentarono i vostri padri: *
mi misero alla prova
pur avendo visto le mie opere.

Il Signore è con te.

Per quarant’anni
mi disgustò quella generazione *
e dissi: “Sono un popolo
dal cuore traviato, *
non conoscono le mie vie”.

Perciò ho giurato nella mia ira: *
“Non entreranno
nel luogo del mio riposo”».

Rallégrati, Maria, piena di grazia,
il Signore è con te.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Il Signore è con te.

INNO
Della sua Sposa il mistero
cantiamo a Cristo in un inno:
la Vergine diede alla luce
Lui, Verbo coeterno col Padre.

Tu sola fra tutte le donne
sei stata prescelta nel mondo
ed hai meritato portare
nel tuo santo grembo il Signore.

Nei secoli antichi i profeti
avevan predetto l’evento:
la Vergine Dio concepisce
e genera l’Emmanuele.

Davvero un mistero sublime
è questo concesso a Maria:
vedere che dava alla luce
il Dio che è Principio di tutto.

Sia gloria a te, nostro Signore,
sia gloria al tuo unico Figlio,
insieme allo Spirito Santo,
nei secoli eterni per sempre. Amen.

Ant. Un uomo è nato in lei: l’Altissimo ha consacrato la sua dimora.

SALMO 44 Le nozze del Re
A mezzanotte si levò un grido. Ecco lo Sposo: andategli incontro (Mt 25, 6).

   Effonde il mio cuore liete parole, †
   io canto al re il mio poema. *
   La mia lingua è stilo di scriba veloce.
 
   Tu sei il più bello tra i figli dell'uomo, †
   sulle tue labbra è diffusa la grazia, *
   ti ha benedetto Dio per sempre.
 
   Cingi, prode, la spada al tuo fianco, †
   nello splendore della tua maestà ti arrida la sorte, *
   avanza per la verità, la mitezza e la giustizia.
 
   La tua destra ti mostri prodigi: †
   le tue frecce acute
   colpiscono al cuore i tuoi nemici; *
   sotto di te cadono i popoli.
 
   Il tuo trono, Dio, dura per sempre; *
   è scettro giusto lo scettro del tuo regno.
 
   Ami la giustizia e l'empietà detesti: †
   Dio, il tuo Dio ti ha consacrato *
   con olio di letizia, a preferenza dei tuoi eguali.
 
   Le tue vesti son tutte mirra, aloè e cassia, *
   dai palazzi d'avorio ti allietano le cetre.
   Figlie di re stanno tra le tue predilette; *
   alla tua destra la regina in ori di Ofir.
 
   Ascolta, figlia, guarda, porgi l'orecchio, *
   dimentica il tuo popolo e la casa di tuo padre;
   al re piacerà la tua bellezza. *
   Egli è il tuo Signore: prostrati a lui.
 
   Da Tiro vengono portando doni, *
   i più ricchi del popolo cercano il tuo volto.
 
   La figlia del re è tutta splendore, *
   gemme e tessuto d'oro è il suo vestito.
 
   E' presentata al re in preziosi ricami; *
   con lei le vergini compagne a te sono condotte;
   guidate in gioia ed esultanza, *
   entrano insieme nel palazzo regale.
 
   Ai tuoi padri succederanno i tuoi figli; *
   li farai capi di tutta la terra.
 
   Farò ricordare il tuo nome *
   per tutte le generazioni,
   e i popoli ti loderanno *
   in eterno, per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 45 Dio rifugio e forza del suo popolo
Sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi (Mt 1, 23).

Dio è per noi rifugio e forza, *
aiuto sempre vicino nelle angosce.

Perciò non temiamo se trema la terra, *
se crollano i monti nel fondo del mare.
Fremano, si gonfino le sue acque, *
tremino i monti per i suoi flutti.

Un fiume e i suoi ruscelli rallegrano la città di Dio, *
la santa dimora dell'Altissimo.

Dio sta in essa: non potrà vacillare; *
la soccorrerà Dio, prima del mattino.
Fremettero le genti, i regni si scossero; *
egli tuonò, si sgretolò la terra.

Il Signore degli eserciti è con noi, *
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

Venite, vedete le opere del Signore, *
egli ha fatto portenti sulla terra.

Farà cessare le guerre sino ai confini della terra, †
romperà gli archi e spezzerà le lance, *
brucerà con il fuoco gli scudi.

Fermatevi e sappiate che io sono Dio, *
eccelso tra le genti, eccelso sulla terra.
Il Signore degli eserciti è con noi, *
nostro rifugio è il Dio di Giacobbe.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO 86    Gerusalemme, madre di tutti i popoli
La Gerusalemme di lassù è libera ed è la nostra madre (Gal 4, 26).

Le sue fondamenta sono sui monti santi; †
il Signore ama le porte di Sion *
più di tutte le dimore di Giacobbe.

Di te si dicono cose stupende, *
città di Dio.

Ricorderò Raab e Babilonia
fra quelli che mi conoscono; †
ecco, Palestina, Tiro ed Etiopia: *
tutti là sono nati.

Si dirà di Sion: «L'uno e l'altro è nato in essa *
e l'Altissimo la tiene salda».

Il Signore scriverà nel libro dei popoli: *
«Là costui è nato».
E danzando canteranno: *
«Sono in te tutte le mie sorgenti».

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Un uomo è nato in lei: l’Altissimo ha consacrato la sua dimora.

V. Nella tua bellezza e nella tua maestà.
R. Avanza trionfante e regna.

Orazione in silenzio.

LEZIONE I
Ecco, concepirai un figlio e lo darai alla luce. Lc 1,26-33

Al sesto mese, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallegrati, piena di grazia, il Signore è con te». A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù.
Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine». R. Rendiamo grazie a Dio.

RESPONSORIO
R. Bella l’ho vista elevarsi come colomba al di sopra delle acque, le sue vesti esalavano un intenso, inestimabile profumo. E come un fiore di primavera, la circondavano rose fiorite e gigli del campo.
V. La videro le figlie di Sion e la dissero beata, e le regine la colmarono di lodi.
R. E come un fiore di primavera, la circondavano rose fiorite e gigli del campo.

LEZIONE II
Ecco la serva del Signore. Lc 1,34-38

Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio». Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.
R. Rendiamo grazie a Dio.

RESPONSORIO
R. Chi è colei che sale dal deserto come una colonna di fumo, esalando profumo di mirra e d’incenso, E d’ogni polvere aromatica?
V. Miele e latte sono sulla tua lingua, il profumo delle tue vesti è come odore d’incenso.
R. E d’ogni polvere aromatica?

LEZIONE III
A che devo che la madre del mio Signore venga a me?. Lc 1,39-45

In quei giorni Maria si alzò e andò in fretta verso la regione montuosa, in una città di Giuda. Entrata nella casa di Zaccaria, salutò Elisabetta. Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino sussultò nel grembo. Elisabetta fu colmata di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che cosa devo che la madre del mio Signore venga da me? Ecco, appena il tuo saluto è giunto ai miei orecchi, il bambino ha sussultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell’adempimento di ciò che il Signore le ha detto».
R. Rendiamo grazie a Dio.

RESPONSORIO
R. Tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente * e Santo è il suo nome.
V. L’anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore.
R. Grandi cose ha fatto per me l’Onnipotente e Santo è il suo nome.
V. Gloria al Padre, al Figlio e allo Spirito Santo.
R. E santo è il suo nome.
Te Deum
Noi ti lodiamo, Dio, *
ti proclamiamo Signore.

O eterno Padre, *
tutta la terra ti adora.

A te cantano gli angeli *
e tutte le potenze dei cieli:

Santo, Santo, Santo *
il Signore Dio dell’universo.

I cieli e la terra *
sono pieni della tua gloria.

Ti acclama il coro degli Apostoli *
e la candida schiera dei martiri;
le voci dei profeti si uniscono
nella tua lode; *

la santa Chiesa
proclama la tua gloria,

adora il tuo unico Figlio *
e lo Spirito Santo Paràclito.

O Cristo, re della gloria, *
eterno Figlio del Padre,

tu nascesti dalla Vergine Madre *
per la salvezza dell’uomo.

Vincitore della morte, *
hai aperto ai credenti il regno dei cieli.

Tu siedi alla destra di Dio,
nella gloria del Padre, *
verrai a giudicare il mondo
alla fine dei tempi.

Soccorri i tuoi figli, Signore, *
che hai redento
col tuo sangue prezioso.

Accoglici nella tua gloria *
nell’assemblea dei santi.

Salva il tuo popolo, Signore, *
guida e proteggi i tuoi figli.

Ogni giorno ti benediciamo, *
lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore, *
di custodirci senza peccato.

Sia sempre con noi la tua misericordia: *
in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, *
pietà di noi.

Tu sei la nostra speranza, *
non saremo confusi in eterno.

V. Dio la soccorrerà mostrandole il suo volto.
R. Dio è in mezzo ad essa: non potrà vacillare.

ORAZIONE
Infondi nel nostro spirito la tua grazia, Signore; tu che all’annuncio dell’angelo ci hai rivelato l’incarnazione del tuo Figlio, per la sua passione e la sua croce, guidaci alla gloria della risurrezione. Per il nostro Signore.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

LODI


Orazione in silenzio (per lo spazio di tre Ave Maria, o poco più).

Segno della croce.

V. Signore apri le mie labbra.
R. E la mia bocca proclami la tua lode.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Alleluia

INNO
Davvero sei piena di grazia,
per sempre rimani gloriosa,
poiché dal tuo grembo ci è nato
il Cristo, Principio di tutto.ऀ

Udito l’evento i pastori
cantarono Gloria all’Eccelso;
accorsero fino a Betlemme
e videro il nato Signore.

I Magi seguendo da Oriente
la stella che li conduceva,
recando in figura le genti
per primi portarono doni.

O popoli tutti, preghiamo
la Vergine Madre di Dio,
perché da suo Figlio ci ottenga
lei stessa il perdono e la pace.

Sia gloria a te, nostro Signore,
sia gloria al tuo unico Figlio,
insieme allo Spirito Santo,
nei secoli eterni per sempre. Amen.

Ant. Come sei bella, amica mia, come sei bella! I tuoi occhi sono colombe.

SALMO 92 La maestà di Dio Creatore
Il Signore si riveste di maestà.

Il Signore regna, si riveste di maestà; *
il Signore si riveste, si cinge di forza. *
È stabile il mondo, non potrà vacillare.

Stabile è il tuo trono da sempre, *
dall’eternità tu sei.

Alzarono i fiumi, Signore, *
alzarono i fiumi la loro voce, *
alzarono i fiumi il loro fragore.

Più del fragore di acque impetuose, *
più potente dei flutti del mare, *
potente nell’alto è il Signore.

Davvero degni di fede
i tuoi insegnamenti! *
La santità si addice alla tua casa *
per la durata dei giorni, Signore.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

SALMO Salmo 99 La gioia di chi entra nel Tempio
Benedite il suo nome, perché buono è il Signore.

Acclamate il Signore,
voi tutti della terra, *
servite il Signore nella gioia, *
presentatevi a lui con esultanza.

Riconoscete che solo il Signore è Dio; *
egli ci ha fatti e noi siamo suoi, *
suo popolo e gregge del suo pascolo.

Varcate le sue porte
con inni di grazie, *
i suoi atri con canti di lode, *
lodatelo, benedite il suo nome;

perché buono è il Signore, *
il suo amore è per sempre, *
la sua fedeltà
di generazione in generazione.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 62 L’anima assetata del Signore
Ha sete di te l’anima mia.

O Dio, tu sei il mio Dio,
dall’aurora io ti cerco, *
ha sete di te l’anima mia, *
desidera te la mia carne,
in terra arida, assetata, senz’acqua.

Così nel santuario
ti ho contemplato, *
guardando la tua potenza e la tua gloria.

Poiché il tuo amore vale più della vita, *
le mie labbra canteranno la tua lode.

Così ti benedirò per tutta la vita, *
nel tuo nome alzerò le mie mani.

Come saziato dai cibi migliori, *
con labbra gioiose
ti loderà la mia bocca.

Quando nel mio letto di te mi ricordo *
e penso a te nelle veglie notturne,

a te che sei stato il mio aiuto, *
esulto di gioia all’ombra delle tue ali.
A te si stringe l’anima mia: *
la tua destra mi sostiene.

Ma quelli che cercano di rovinarmi *
sprofondino sotto terra,

siano consegnati in mano alla spada, *
divengano preda di sciacalli.

Il re troverà in Dio la sua gioia; *
si glorierà chi giura per lui, *
perché ai mentitori
verrà chiusa la bocca.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 66 I popoli glorifichino il Signore
La terra ha dato il suo frutto.

Dio abbia pietà di noi e ci benedica, *
su di noi faccia splendere
il suo volto;

perché si conosca sulla terra la tua via, *
la tua salvezza fra tutte le genti.

Ti lodino i popoli, o Dio, *
ti lodino i popoli tutti.

Gioiscano le nazioni e si rallegrino, *
perché tu giudichi i popoli
con rettitudine, *
governi le nazioni sulla terra.

Ti lodino i popoli, o Dio, *
ti lodino i popoli tutti.

La terra ha dato il suo frutto. *
Ci benedica Dio, il nostro Dio,
ci benedica Dio e lo temano *
tutti i confini della terra.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Cantico Dn 3,57-88.56 Ogni creatura lodi il Signore
Benedite, santi e umili di cuore, il Signore.

Benedite, opere tutte del Signore, il Signore, *
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benedite, angeli del Signore, il Signore, *
benedite, cieli, il Signore.

Benedite, acque tutte,
che siete sopra i cieli, il Signore, *
benedite, potenze tutte del Signore, il Signore.

Benedite, sole e luna, il Signore, *
benedite, stelle del cielo, il Signore.

Benedite, piogge e rugiade, il Signore, *
benedite, o venti tutti, il Signore.

Benedite, fuoco e calore, il Signore, *
benedite, freddo e caldo, il Signore.

Benedite, rugiada e brina, il Signore, *
benedite, gelo e freddo, il Signore.

Benedite, ghiacci e nevi, il Signore, *
benedite, notti e giorni, il Signore.

Benedite, luce e tenebre, il Signore, *
benedite, folgori e nubi, il Signore.

Benedica la terra il Signore, *
lo lodi e lo esalti nei secoli.
Benedite, monti e colline, il Signore, *
benedite, creature tutte
che germinate sulla terra, il Signore.

Benedite, sorgenti, il Signore, *
benedite, mari e fiumi, il Signore.

Benedite, mostri marini
e quanto si muove nell’acqua, il Signore, *
benedite, uccelli tutti dell’aria, il Signore.

Benedite, animali tutti,
selvaggi e domestici, il Signore, *
benedite, figli dell’uomo, il Signore.

Benedite, figli d’Israele, il Signore, *
lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benedite, sacerdoti del Signore,
il Signore, *
benedite, servi del Signore, il Signore.

Benedite, spiriti e anime dei giusti,
il Signore, *

benedite, santi e umili di cuore,
il Signore.

Benedite, Anania, Azaria e Misaele,
il Signore, *

lodatelo ed esaltatelo nei secoli.

Benediciamo il Padre e il Figlio
con lo Spirito Santo, *
lodiamolo ed esaltiamolo nei secoli.
Benedetto sei tu
nel firmamento del cielo, *
degno di lode e di gloria nei secoli.

Salmo 148 Lode di Dio Signore e Creatore
La sua maestà sovrasta la terra e i cieli.

Lodate il Signore dai cieli, *
lodatelo nell’alto dei cieli.

Lodatelo, voi tutti, suoi angeli, *
lodatelo, voi tutte, sue schiere.

Lodatelo, sole e luna, *
lodatelo, voi tutte, fulgide stelle.

Lodatelo, cieli dei cieli, *
voi, acque al di sopra dei cieli.

Lodino il nome del Signore, *
perché al suo comando sono stati creati.

Li ha resi stabili nei secoli per sempre; *
ha fissato un decreto che non passerà.

Lodate il Signore dalla terra, *
mostri marini e voi tutti, abissi,

fuoco e grandine, neve e nebbia, *
vento di bufera che esegue la sua parola,

monti e voi tutte, colline, *
alberi da frutto e voi tutti, cedri,

voi, bestie e animali domestici, *
rettili e uccelli alati.

I re della terra e i popoli tutti, *
i governanti e i giudici della terra,

i giovani e le ragazze, *
i vecchi insieme ai bambini

lodino il nome del Signore,
perché solo il suo nome è sublime: *
la sua maestà sovrasta la terra e i cieli.

Ha accresciuto la potenza del suo popolo
Egli è la lode per tutti i suoi fedeli, *
per i figli di Israele, popolo a lui vicino.

Salmo 149 Festa degli amici di Dio
Esultino i figli di Sion.

Cantate al Signore un canto nuovo; *
la sua lode nell’assemblea dei fedeli.

Gioisca Israele nel suo creatore, *
esultino nel loro re i figli di Sion.

Lodino il suo nome con danze, *
con tamburelli e cetre gli cantino inni.

Il Signore ama il suo popolo, *
incorona i poveri di vittoria.

Esultino i fedeli nella gloria, *
facciano festa sui loro giacigli.

Le lodi di Dio sulla loro bocca *

e la spada a due tagli nelle loro mani,
per compiere la vendetta fra le nazioni *
e punire i popoli,

per stringere in catene i loro sovrani, *
i loro nobili in ceppi di ferro,

per eseguire su di loro
la sentenza già scritta. *
Questo è un onore
per tutti i suoi fedeli.

Salmo 150 Dossologia finale.
Ogni vivente dia lode al Signore.

Lodate Dio nel suo santuario, *
lodatelo nel suo maestoso firmamento.

Lodatelo per le sue imprese, *
lodatelo per la sua immensa grandezza.

Lodatelo con il suono del corno, *
lodatelo con l’arpa e la cetra.

Lodatelo con tamburelli e danze, *
lodatelo sulle corde e con i flauti.

Lodatelo con cimbali sonori, *
lodatelo con cimbali squillanti. *

Ogni vivente
dia lode al Signore.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Come sei bella, amica mia, come sei bella! I tuoi occhi sono colombe.

CAPITOLO Sir 24,17
Io come vite ho prodotto splendidi germogli e i miei fiori danno frutti di gloria e ricchezza.

R. Rendiamo grazie a Dio
V. Benedetta tu fra le donne.
R. E benedetto il frutto del tuo grembo!

CANTICO EVANGELICO
Ant. Come sei bella, amica mia, come sei bella! I tuoi occhi sono colombe.

Cantico di Zaccaria Lc 1,68-79
Il Messia e il suo Precursore.

Benedetto il Signore,
Dio d’Israele, *
perché ha visitato e redento
il suo popolo,

e ha suscitato per noi
un Salvatore potente *
nella casa di Davide, suo servo,

come aveva detto *
per bocca dei suoi santi profeti
d’un tempo:

salvezza dai nostri nemici, *
e dalle mani di quanti ci odiano.

Così egli ha concesso misericordia
ai nostri padri *
e si è ricordato della sua santa alleanza,

del giuramento fatto ad Abramo,
nostro padre, *
di concederci,
liberati dalle mani dei nemici,

di servirlo senza timore,
in santità e giustizia *
al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

E tu, bambino,
sarai chiamato profeta dell’Altissimo *
perché andrai innanzi al Signore
a preparargli le strade,

per dare al suo popolo
la conoscenza della salvezza *
nella remissione dei suoi peccati.

Grazie alla tenerezza e misericordia
del nostro Dio, *
ci visiterà un sole che sorge dall’alto,

per risplendere
su quelli che stanno nelle tenebre *
e nell’ombra di morte,

e dirigere i nostri passi *
sulla via della pace.

Ant. Come sei bella, amica mia, come sei bella! I tuoi occhi sono colombe.

ORAZIONE
O Dio, che nella verginità feconda di Maria hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna, fa’ che sperimentiamo la sua intercessione, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto
l’autore della vita, Cristo tuo Figlio, che è Dio.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

PRIMA


Orazione in silenzio.
Segno della croce.

V. O Dio, vieni a salvarmi.
R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Autor della nostra salvezza
ricorda che un dì il nostro corpo
hai preso, nascendo nel tempo,
da Vergine pura e illibata.

Maria, che sei Madre di grazia
e Madre di misericordia,
proteggici tu dal nemico
e accoglici in punto di morte.

O Madre del nostro Signore,
del Figlio coeterno col Padre,
concedi il tuo aiuto a noi tutti
che in te il rifugio cerchiamo.

O Vergine per il tuo Figlio,
il Padre e il Paraclito Santo,
assistici al nostro tramonto
e rendi sicura la morte.

Sia gloria a te, nostro Signore,
che sei dalla Vergine nato,
al Padre e allo Spirito Santo
per sempre nei secoli eterni. Amen.

Ant. Alzati, amica mia, mia bella, e vieni. Perché, ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se n’è andata; i fiori sono apparsi nei campi.

Salmo 53
Invocazione di aiuto

Il Signore sostiene la mia vita.
Dio, per il tuo nome salvami, *
per la tua potenza rendimi giustizia.

Dio, ascolta la mia preghiera, *
porgi l’orecchio
alle parole della mia bocca,

poiché stranieri contro di me sono insorti*
e prepotenti insidiano la mia vita; *
non pongono Dio davanti ai loro occhi.

Ecco, Dio è il mio aiuto, *
il Signore sostiene la mia vita.

Ricada il male sui miei nemici, *
nella tua fedeltà annientali.

Ti offrirò un sacrificio spontaneo, *
loderò il tuo nome, Signore,
perché è buono;

da ogni angoscia egli mi ha liberato *
e il mio occhio ha guardato dall’alto
i miei nemici.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 89-96
Lamed
Sono più saggio di tutti i miei maestri, perché medito i tuoi insegnamenti.

Per sempre, o Signore, *
la tua parola è stabile nei cieli.

La tua fedeltà
di generazione in generazione; *
hai fondato la terra ed essa è salda.

Per i tuoi giudizi
tutto è stabile fino ad oggi, *
perché ogni cosa è al tuo servizio.

Se la tua legge non fosse la mia delizia, *
davvero morirei nella mia miseria.

Mai dimenticherò i tuoi precetti, *
perché con essi tu mi fai vivere.

Io sono tuo: salvami, *
perché ho ricercato i tuoi precetti.

I malvagi sperano di rovinarmi; *
io presto attenzione
ai tuoi insegnamenti.

Di ogni cosa perfetta
ho visto il confine: *
l’ampiezza dei tuoi comandi è infinita.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 97-104
Mem
Quanto amo la tua legge! *
La medito tutto il giorno.

Il tuo comando
mi fa più saggio dei miei nemici, *
perché esso è sempre con me.

Sono più saggio di tutti i miei maestri, *
perché medito i tuoi insegnamenti.

Ho più intelligenza degli anziani, *
perché custodisco i tuoi precetti.

Tengo lontano i miei piedi
da ogni cattivo sentiero, *
per osservare la tua parola.

Non mi allontano dai tuoi giudizi, *
perché sei tu ad istruirmi.

Quanto sono dolci al mio palato
le tue promesse, *
più del miele per la mia bocca.

I tuoi precetti mi danno intelligenza, *
perciò odio ogni falso sentiero.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Alzati, amica mia, mia bella, e vieni. Perché, ecco, l’inverno è passato, è cessata la pioggia, se n’è andata; i fiori sono apparsi nei campi.

CAPITOLO
Sir 24,24-25 NVg (cf. 24,18)
Io sono la madre del bell’amore e del timore, della conoscenza e della santa speranza; in me ogni dono di via e verità, in me ogni speranza di vita e virtù.

R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Benedetta tu fra le donne.
R. E benedetto il frutto del tuo grembo!

ORAZIONE
Sorga e cresca nei nostri cuori, Padre, il sole di giustizia, Cristo, di cui la Madre fu speranza del mondo e aurora di salvezza. Per Cristo nostro Signore.

Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.

V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

TERZA


Orazione in silenzio.

Segno della croce.

V. O Dio, vieni a salvarmi.
R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Autor della nostra salvezza
ricorda che un dì il nostro corpo
hai preso, nascendo nel tempo,
da Vergine pura e illibata.

Maria, che sei Madre di grazia
e Madre di misericordia,
proteggici tu dal nemico
e accoglici in punto di morte.

O Madre del nostro Signore,
del Figlio coeterno col Padre,
concedi il tuo aiuto a noi tutti
che in te il rifugio cerchiamo.

O Vergine per il tuo Figlio,
il Padre e il Paraclito Santo,
assistici al nostro tramonto
e rendi sicura la morte.

Sia gloria a te, nostro Signore,
che sei dalla Vergine nato,
al Padre e allo Spirito Santo
per sempre nei secoli eterni. Amen.

Ant. Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo.

Salmo 118, 105-112
Nun
Io sono tuo servo.

Lampada per i miei passi
è la tua parola, *
luce sul mio cammino.

Ho giurato, e lo confermo, *
di osservare i tuoi giusti giudizi.

Sono tanto umiliato, Signore: *
dammi vita secondo la tua parola.

Signore,
gradisci le offerte delle mie labbra, *
insegnami i tuoi giudizi.

La mia vita è sempre in pericolo, *
ma non dimentico la tua legge.

I malvagi mi hanno teso un tranello, *
ma io non ho deviato dai tuoi precetti.

Mia eredità per sempre
sono i tuoi insegnamenti, *
perché sono essi la gioia del mio cuore.

Ho piegato il mio cuore
a compiere i tuoi decreti, *
in eterno, senza fine.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 113-120
Samech
Io sono tuo servo.

Odio chi ha il cuore diviso; *
io invece amo la tua legge.
Tu sei mio rifugio e mio scudo: *
spero nella tua parola.

Allontanatevi da me, o malvagi: *
voglio custodire i comandi del mio Dio.

Sostienimi secondo la tua promessa
e avrò vita, *
non deludere la mia speranza.

Aiutami e sarò salvo, *
non perderò mai di vista i tuoi decreti.

Tu disprezzi chi abbandona i tuoi decreti, *
perché menzogne sono i suoi pensieri.

Tu consideri scorie
tutti i malvagi della terra, *
perciò amo i tuoi insegnamenti.

Per paura di te
la mia pelle rabbrividisce: *
io temo i tuoi giudizi.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 121-128
Ain
Io sono tuo servo.

Ho agito secondo giudizio e giustizia; *
non abbandonarmi
ai miei oppressori.

Assicura il bene al tuo servo; *
non mi opprimano gli orgogliosi.

I miei occhi si consumano
nell’attesa della tua salvezza *
e per la promessa della tua giustizia.

Agisci con il tuo servo
secondo il tuo amore *
e insegnami i tuoi decreti.

Io sono tuo servo:
fammi comprendere *
e conoscerò i tuoi insegnamenti.

È tempo che tu agisca, Signore: *
hanno infranto la tua legge.

Perciò amo i tuoi comandi, *
più dell’oro, dell’oro più fino.

Per questo io considero retti
tutti i tuoi precetti *
e odio ogni falso sentiero.

Ant. Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Lo Spirito Santo scenderà su di te, su te stenderà la sua ombra la potenza dell’Altissimo.

CAPITOLO
Gal 4,4-5
Quando venne la pienezza del tempo, Dio mandò il suo Figlio, nato da donna, nato sotto la Legge, per riscattare quelli che erano sotto la legge, perché ricevessimo l’adozione a figli.
R. Rendiamo grazie a Dio.

V. Sulle tue labbra è diffusa la grazia.
R. Perciò Dio ti ha benedetta per sempre.

ORAZIONE
Concedi ai tuoi fedeli, Signore Dio nostro, di godere sempre la salute del corpo e dello spirito e per la gloriosa intercessione di Maria santissima, sempre vergine, salvaci dai mali che ora ci rattristano e guidaci alla gioia senza fine. Per Cristo nostro Signore. Qualora non seguisse nessun altro Ufficio, la conclusione dell’orazione è quella lunga: Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SESTA


Orazione in silenzio.

Segno della croce.

V. O Dio, vieni a salvarmi.
R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Autor della nostra salvezza
ricorda che un dì il nostro corpo
hai preso, nascendo nel tempo,
da Vergine pura e illibata.

Maria, che sei Madre di grazia
e Madre di misericordia,
proteggici tu dal nemico
e accoglici in punto di morte.

O Madre del nostro Signore,
del Figlio coeterno col Padre,
concedi il tuo aiuto a noi tutti
che in te il rifugio cerchiamo.

O Vergine per il tuo Figlio,
il Padre e il Paraclito Santo,
assistici al nostro tramonto
e rendi sicura la morte.

Sia gloria a te, nostro Signore,
che sei dalla Vergine nato,
al Padre e allo Spirito Santo
per sempre nei secoli eterni. Amen.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 129-136
Pe
I miei occhi precedono il mattino per meditare sulla tua promessa.

Meravigliosi sono i tuoi insegnamenti: *
per questo li custodisco.

La rivelazione delle tue parole illumina, *
dona intelligenza ai semplici.

Apro anelante la mia bocca, *
perché ho sete dei tuoi comandi.

Volgiti a me e abbi pietà, *
con il giudizio che riservi
a chi ama il tuo nome.

Rendi saldi i miei passi
secondo la tua promessa *
e non permettere
che mi domini alcun male.

Riscattami dall’oppressione dell’uomo *
e osserverò i tuoi precetti.

Fa’ risplendere il tuo volto sul tuo servo *
e insegnami i tuoi decreti.

Torrenti di lacrime
scorrono dai miei occhi, *
perché non si osserva la tua legge.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 137-144
Sade
I miei occhi precedono il mattino per meditare sulla tua promessa.

Tu sei giusto, Signore, *
e retto nei tuoi giudizi.

Con giustizia
hai promulgato i tuoi insegnamenti *
e con grande fedeltà.

Uno zelo ardente mi consuma, *
perché i miei avversari
dimenticano le tue parole.

Limpida e pura è la tua promessa *
e il tuo servo la ama.

Io sono piccolo e disprezzato: *
non dimentico i tuoi precetti.

La tua giustizia è giustizia eterna *
e la tua legge è verità.

Angoscia e affanno mi hanno colto: *
i tuoi comandi sono la mia delizia.

Giustizia eterna
sono i tuoi insegnamenti: *
fammi comprendere e avrò la vita.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 145-152
Kof
I miei occhi precedono il mattino per meditare sulla tua promessa.

Invoco con tutto il cuore:
Signore, rispondimi; *
custodirò i tuoi precetti.

Io t’invoco, salvami *
e osserverò i tuoi insegnamenti.

Precedo l’aurora e grido aiuto, *
spero nelle tue parole.

I miei occhi precedono il mattino *
per meditare sulla tua promessa.

Ascolta la mia voce,
secondo il tuo amore; *
Signore, fammi vivere
secondo il tuo giudizio.

Si avvicinano
quelli che seguono il male: *
sono lontani dalla tua legge.

Tu, Signore, sei vicino; *
tutti i tuoi comandi sono verità.

Da tempo lo so: i tuoi insegnamenti *
li hai stabiliti per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Maria serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

CAPITOLO
At 1,14
Tutti erano perseveranti e concordi nella preghiera, insieme ad alcune donne e a Maria, la madre di Gesù, e ai fratelli di lui.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Nella tua bellezza e nella tua maestà.
R. Avanza trionfante e regna.

ORAZIONE
O Dio, Padre misericordioso, soccorri la nostra debolezza, e per intercessione di Maria, Madre immacolata del tuo Figlio, fa’ che risorgiamo dal peccato alla vita nuova. Per Cristo nostro Signore.
Qualora non seguisse nessun altro Ufficio, la conclusione dell’orazione è quella lunga:
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------

NONA


Orazione in silenzio.

Segno della croce.

V. O Dio, vieni a salvarmi.
R. Signore, vieni presto in mio aiuto.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Autor della nostra salvezza
ricorda che un dì il nostro corpo
hai preso, nascendo nel tempo,
da Vergine pura e illibata.

Maria, che sei Madre di grazia
e Madre di misericordia,
proteggici tu dal nemico
e accoglici in punto di morte.

O Madre del nostro Signore,
del Figlio coeterno col Padre,
concedi il tuo aiuto a noi tutti
che in te il rifugio cerchiamo.

O Vergine per il tuo Figlio,
il Padre e il Paraclito Santo,
assistici al nostro tramonto
e rendi sicura la morte.

Sia gloria a te, nostro Signore,
che sei dalla Vergine nato,
al Padre e allo Spirito Santo
per sempre nei secoli eterni. Amen.

Salmo 118, 129-136
Pe
I miei occhi precedono il mattino per meditare sulla tua promessa.

Meravigliosi sono i tuoi insegnamenti: *
per questo li custodisco.

La rivelazione delle tue parole illumina, *
dona intelligenza ai semplici.

Apro anelante la mia bocca, *
perché ho sete dei tuoi comandi.

Volgiti a me e abbi pietà, *
con il giudizio che riservi
a chi ama il tuo nome.

Rendi saldi i miei passi
secondo la tua promessa *
e non permettere
che mi domini alcun male.

Riscattami dall’oppressione dell’uomo *
e osserverò i tuoi precetti.

Fa’ risplendere il tuo volto sul tuo servo *
e insegnami i tuoi decreti.

Torrenti di lacrime
scorrono dai miei occhi, *
perché non si osserva la tua legge.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 137-144
Sade
I miei occhi precedono il mattino per meditare sulla tua promessa.

Tu sei giusto, Signore, *
e retto nei tuoi giudizi.

Con giustizia
hai promulgato i tuoi insegnamenti *
e con grande fedeltà.

Uno zelo ardente mi consuma, *
perché i miei avversari
dimenticano le tue parole.

Limpida e pura è la tua promessa *
e il tuo servo la ama.

Io sono piccolo e disprezzato: *
non dimentico i tuoi precetti.

La tua giustizia è giustizia eterna *
e la tua legge è verità.

Angoscia e affanno mi hanno colto: *
i tuoi comandi sono la mia delizia.

Giustizia eterna
sono i tuoi insegnamenti: *
fammi comprendere e avrò la vita.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 118, 145-152
Kof

Invoco con tutto il cuore:
Signore, rispondimi; *
custodirò i tuoi precetti.

Io t’invoco, salvami *
e osserverò i tuoi insegnamenti.

Precedo l’aurora e grido aiuto, *
spero nelle tue parole.

I miei occhi precedono il mattino *
per meditare sulla tua promessa.

Ascolta la mia voce,
secondo il tuo amore; *
Signore, fammi vivere
secondo il tuo giudizio.

Si avvicinano
quelli che seguono il male: *
sono lontani dalla tua legge.

Tu, Signore, sei vicino; *
tutti i tuoi comandi sono verità.

Da tempo lo so: i tuoi insegnamenti *
li hai stabiliti per sempre.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Maria serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

CAPITOLO
At 1,14
Tutti erano perseveranti e concordi nella preghiera, insieme ad alcune donne e a Maria, la madre di Gesù, e ai fratelli di lui.

R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Nella tua bellezza e nella tua maestà.
R. Avanza trionfante e regna.

ORAZIONE
O Dio, Padre misericordioso, soccorri la nostra debolezza, e per intercessione di Maria, Madre immacolata del tuo Figlio, fa’ che risorgiamo dal peccato alla vita nuova. Per Cristo no- stro Signore.
Qualora non seguisse nessun altro Ufficio, la conclusione dell’orazione è quella lunga:
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli. Amen

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.
---------------------------------------------------------------------------------------------------------

VESPRI


Orazione in silenzio.

Segno della croce.

V. Signore apri le mie labbra.
R. E la mia bocca proclami la tua lode.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

INNO

Ave, tu, stella del mare,
umile Madre di Dio,
ave, tu, Vergine sempre,
porta felice del cielo.

Tu ricevendo quell’Ave
che ti annunciò Gabriele
doni la pace mutando
nome e destino di Eva.

Sciogli i legami ai malvagi,
dona la luce a chi è cieco,
scaccia da noi ogni male,
chiedi per noi tutti i beni.

Mostra che sei nostra Madre,
supplica tu per noi Cristo,
Egli che, nato per noi,
si proclamò Figlio tuo.

Vergine unica e mite,
dolce più d’ogni creatura,
sciolti da tutte le colpe
rendici miti e innocenti.

Fa’ che la vita sia pura,
rendi sicuro il cammino,
sì che Gesù contemplando
siamo felici in eterno.

Lode al Signore, Dio Padre,
gloria all’Altissimo Cristo,
gloria allo Spirito Santo,
un solo onore al Dio Trino. Amen.

Ant. Come un giglio fra i cardi, così la mia amata tra le fanciulle.

Salmo 109
Il messia re e sacerdote
Dal seno dell’aurora, io ti ho generato..

Oracolo del Signore al mio signore: *
«Siedi alla mia destra *
finché io ponga i tuoi nemici
a sgabello dei tuoi piedi».

Lo scettro del tuo potere
stende il Signore da Sion: *
domina in mezzo ai tuoi nemici!

A te il principato
nel giorno della tua potenza *
tra santi splendori; *
dal seno dell’aurora,
come rugiada, io ti ho generato.

Il Signore ha giurato e non si pente: *
«Tu sei sacerdote per sempre
al modo di Melchisedek».

Il Signore è alla tua destra! *
Egli abbatterà i re
nel giorno della sua ira,

sarà giudice fra le genti, *
ammucchierà cadaveri,
abbatterà teste su vasta terra.

Lungo il cammino
si disseta al torrente, *
perciò solleva alta la testa.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 112
Lodate il nome del Signore
Solleva dalla polvere il debole.

Lodate, servi del Signore, *
lodate il nome del Signore.

Sia benedetto il nome del Signore, *
da ora e per sempre.

Dal sorgere del sole al suo tramonto *
sia lodato il nome del Signore.

Su tutte le genti eccelso è il Signore, *
più alta dei cieli è la sua gloria.

Chi è come il Signore, nostro Dio, *
che siede nell’alto

e si china a guardare *
sui cieli e sulla terra?

Solleva dalla polvere il debole, *
dall’immondizia rialza il povero,

per farlo sedere tra i prìncipi, *
tra i prìncipi del suo popolo.

Fa abitare nella casa la sterile, *
come madre gioiosa di figli.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 121
Saluto a Gerusalemme
Gerusalemme, città unita e compatta.

Quale gioia, quando mi dissero: *
«Andremo alla casa del Signore!».

Già sono fermi i nostri piedi *
alle tue porte, Gerusalemme!

Gerusalemme è costruita *
come città unita e compatta.

È là che salgono le tribù,
le tribù del Signore, *
secondo la legge di Israele, *
per lodare il nome del Signore.

Là sono posti i troni del giudizio, *
i troni della casa di Davide.

Chiedete pace
per Gerusalemme: *
vivano sicuri quelli che ti amano;

sia pace nelle tue mura, *
sicurezza nei tuoi palazzi.

Per i miei fratelli e i miei amici *
io dirò: «Su te sia pace!».

Per la casa del Signore nostro Dio, *
chiederò per te il bene.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 126
L’abbandono alla provvidenza
Eredità del Signore sono i figli.

Se il Signore non costruisce la casa, *
invano si affaticano i costruttori.

Se il Signore non vigila sulla città, *
invano veglia la sentinella.

Invano vi alzate di buon mattino
e tardi andate a riposare, *
voi che mangiate un pane di fatica: *
al suo prediletto egli lo darà nel sonno.

Ecco, eredità del Signore sono i figli, *
è sua ricompensa
il frutto del grembo.

Come frecce in mano a un guerriero *
sono i figli avuti in giovinezza.

Beato l’uomo che ne ha piena la faretra: *
non dovrà vergognarsi
quando verrà alla porta *
a trattare con i propri nemici.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 147
La Gerusalemme riedificata
Ha messo pace nei tuoi confini.

Celebra il Signore, Gerusalemme, *
loda il tuo Dio, Sion,

perché ha rinforzato
le sbarre delle tue porte, *
in mezzo a te ha benedetto i tuoi figli.

Egli mette pace nei tuoi confini *
e ti sazia con fiore di frumento.

Manda sulla terra il suo messaggio: *
la sua parola corre veloce.

Fa scendere la neve come lana, *
come polvere sparge la brina,

getta come briciole la grandine: *
di fronte al suo gelo chi resiste?

Manda la sua parola ed ecco le scioglie, *
fa soffiare il suo vento
e scorrono le acque.

Annuncia a Giacobbe la sua parola, *
i suoi decreti e i suoi giudizi a Israele.

Così non ha fatto con nessun’altra nazione, *
non ha fatto conoscere loro i suoi giudizi.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Come un giglio fra i cardi, così la mia amata tra le fanciulle.

CAPITOLO
Sir 24,13-14a
Sono cresciuta come un cedro sul Libano, come un cipresso sui monti dell’Ermon. Sono cresciuta come una palma in Èngaddi e come le piante di rose in Gerico.
R. Rendiamo grazie a Dio
V. Rallégrati, Maria, piena di grazia.
R. Il Signore è con te!

CANTICO EVANGELICO
Ant. Tutta bella tu sei, amica mia, in te nessuna macchia.

Cantico della Vergine Lc 1,46-55
Esultanza dell’anima nel Signore.

L’anima mia magnifica il Signore *
e il mio spirito esulta in Dio,
mio salvatore,

perché ha guardato
l’umiltà della sua serva. *
D’ora in poi tutte le generazioni
mi chiameranno beata.

Grandi cose
ha fatto per me l’Onnipotente *
e Santo è il suo nome;

di generazione in generazione
la sua misericordia *
per quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio, *
ha disperso i superbi
nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni, *
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati, *
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo, *
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva detto ai nostri padri, *
per Abramo e la sua discendenza,
per sempre.

Ant. Tutta bella tu sei, amica mia, in te nessuna macchia.

ORAZIONE
O Dio, che nella verginità feconda di Maria hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna, fa’ che sperimentiamo la sua intercessione, poiché per mezzo di lei abbiamo ricevuto l’autore della vita, Cristo tuo Figlio, che è Dio.
V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------

COMPIETA


Orazione in silenzio.

Segno della croce.

V. Rialzaci, Dio, nostra salvezza.
R. E placa il tuo sdegno verso di noi.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen. Alleluia

INNO

Autor della nostra salvezza
ricorda che un dì il nostro corpo
hai preso, nascendo nel tempo,
da Vergine pura e illibata.

Maria, che sei Madre di grazia
e Madre di misericordia,
proteggici tu dal nemico
e accoglici in punto di morte.

O Madre del nostro Signore,
del Figlio coeterno col Padre,
concedi il tuo aiuto a noi tutti
che in te il rifugio cerchiamo.

O Vergine per il tuo Figlio,
il Padre e il Paraclito Santo,
assistici al nostro tramonto
e rendi sicura la morte.

Sia gloria a te, nostro Signore,
che sei dalla Vergine nato,
al Padre e allo Spirito Santo
per sempre nei secoli eterni. Amen.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Io porrò inimicizia tra te e la donna. Questa ti schiaccerà la testa.

Salmo 4
Preghiera della sera
Il Signore fa prodigi per il suo fedele.

Quando ti invoco, rispondimi,
Dio della mia giustizia! *
Nell’angoscia mi hai dato sollievo; *
pietà di me, ascolta la mia preghiera.

Fino a quando, voi uomini,
calpesterete il mio onore, *
amerete cose vane
e cercherete la menzogna?

Sappiatelo: il Signore fa prodigi
per il suo fedele; *
il Signore mi ascolta
quando lo invoco.

Tremate e più non peccate, *
nel silenzio, sul vostro letto,
esaminate il vostro cuore.

Offrite sacrifici legittimi *
e confidate nel Signore.

Molti dicono:
«Chi ci farà vedere il bene, *
se da noi, Signore, è fuggita
la luce del tuo volto?».

Hai messo più gioia nel mio cuore *
di quanta ne diano a loro
grano e vino in abbondanza.

In pace mi corico
e subito mi addormento: *
perché tu solo, Signore,
fiducioso mi fai riposare.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 30,2-6
Supplica fiduciosa
Alle tue mani affido il mio spirito.

In te, Signore, mi sono rifugiato, *
mai sarò deluso; *
difendimi per la tua giustizia.

Tendi a me il tuo orecchio, *
vieni presto a liberarmi.

Sii per me una roccia di rifugio, *
un luogo fortificato che mi salva.

Perché mia rupe e mia fortezza tu sei, *
per il tuo nome guidami e conducimi.

Scioglimi dal laccio che mi hanno teso, *
perché sei tu la mia difesa.

Alle tue mani affido il mio spirito; *
tu mi hai riscattato, Signore, Dio fedele.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Salmo 133
Orazione notturna nel tempio
Voi che state nella casa del Signore, beneditelo.

Ecco, benedite il Signore, *
voi tutti, servi del Signore;
voi che state nella casa del Signore *
durante la notte.

Alzate le mani verso il santuario *
e benedite il Signore.

Il Signore ti benedica da Sion: *
egli ha fatto cielo e terra.

Gloria al Padre e al Figlio
e allo Spirito Santo.
Come era nel principio, e ora e sempre
nei secoli dei secoli. Amen.

Ant. Io porrò inimicizia tra te e la donna. Questa ti schiaccerà la testa.

CAPITOLO
Ap 12,1
Un segno grandioso apparve nel cielo: una donna vestita di sole, con la luna sotto i suoi piedi e, sul suo capo, una corona di dodici stelle.
V. Dio la soccorrerà mostrandole il suo volto.
R. Dio è in mezzo ad essa: non potrà vacillare.

CANTICO EVANGELICO
Ant. Alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir.

Cantico di Simeone Lc 2,29-32
Cristo, luce delle genti e gloria di Israele.

Ora puoi lasciare, o Signore,
che il tuo servo *
vada in pace, secondo la tua parola,

perché i miei occhi
hanno visto la tua salvezza, *
preparata da te davanti a tutti i popoli:

luce per rivelarti alle genti *
e gloria del tuo popolo, Israele.

Ant. Alla tua destra sta la regina, in ori di Ofir.

ORAZIONE
Perdona, Signore, le colpe dei tuoi figli, e poiché non possiamo salvarci con le nostre opere, ci soccorra l’intercessione della Vergine Maria, madre del tuo Figlio e nostro Signore Gesù Cristo, che è Dio.

V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

ANTIFONA
Qui prendiamo venia e rimaniamo in ginocchio.

Salve, o Regina di misericordia, dolcezza della vita e speranza nostra, salve. A te ricorriamo, noi esuli figli di Eva: a te sospiriamo gementi e piangenti in questa valle di lacrime. Orsù, dunque, avvocata nostra, rivolgi a noi quegli occhi tuoi misericordiosi. E mostraci benigno, dopo questo esilio, Gesù, il frutto benedetto del tuo seno. O clemente, o pia, o dolce Maria. Quanto segue è lasciato alla libera devozione personale.

ANTIFONA
Santa Maria, soccorri i miseri, aiuta i deboli, conforta gli afflitti, prega per il popolo, intervieni per il clero, intercedi per le vergini consacrate: sentano la tua protezione tutti quelli che ti onorano.

V. O Vergine santa, ti sia gradita la mia lode.
R. Dammi forza contro i tuoi nemici.

ORAZIONE
Concedi ai tuoi fedeli, Signore Dio nostro, di godere sempre la salute del corpo e dello spirito, e per la gloriosa intercessione di Maria santissima, sempre vergine, salvaci dai mali che ora ci rattristano e guidaci alla gioia senza fine.
Per Cristo nostro Signore.

VANGELO GV 1, 1-14
In principio era il Verbo,
il Verbo era presso Dio
e il Verbo era Dio.
Egli era, in principio, presso Dio:
tutto è stato fatto per mezzo di lui
e senza di lui nulla è stato fatto
di ciò che esiste.
In lui era la vita
e la vita era la luce degli uomini;
la luce splende nelle tenebre
e le tenebre non l’hanno vinta.
Venne un uomo mandato da Dio:
il suo nome era Giovanni.
Egli venne come testimone
per dare testimonianza alla luce,
perché tutti credessero per mezzo di lui.
Non era lui la luce,
ma doveva dare testimonianza alla luce.
Veniva nel mondo la luce vera,
quella che illumina ogni uomo.
Era nel mondo
e il mondo è stato fatto per mezzo di lui;
eppure il mondo non lo ha riconosciuto.
Venne fra i suoi,
e i suoi non lo hanno accolto.
A quanti però lo hanno accolto
ha dato potere di diventare figli di Dio:
a quelli che credono nel suo nome,
i quali, non da sangue
né da volere di carne né da volere di uomo,
ma da Dio sono stati generati.
E il Verbo si fece carne
e venne ad abitare in mezzo a noi;
e noi abbiamo contemplato la sua gloria,
gloria come del Figlio unigenito
che viene dal Padre,
pieno di grazia e di verità.
R. Amen.

DOSSOLOGIA
A te si deve la lode, a te l’inno:
gloria a te, Dio Padre
e al Figlio con lo Spirito Santo
nei secoli dei secoli. Amen.

Si aggiunge una delle orazioni seguenti:

ORAZIONE
O Dio grande e misericordioso, la nuova nascita del tuo unico Figlio nella nostra carne mortale ci liberi dalla schiavitù antica che ci tiene sotto il giogo del peccato. Per il nostro Signore. O Dio, Luce del mondo, concedi a tutte le genti il bene di una pace sicura; fa’ risplendere nei nostri cuori quella luce radiosa che illuminò la mente dei Magi: Gesù Cristo, tuo Figlio, nostro Signore. Egli è Dio.
Dio nostra forza e nostra speranza, senza di te nulla esiste di valido e di santo; effondi su di noi la tua misericordia, perché da te sorretti e guidati, usiamo saggiamente dei beni terreni nel- la continua ricerca dei beni eterni. Per il nostro Signore.
V. Signore, ascolta la mia preghiera.
R. A te giunga il mio grido.
V. Benediciamo il Signore.
R. Rendiamo grazie a Dio.
V. Le anime di tutti i fedeli defunti per misericordia di Dio riposino in pace.
R. Amen.

Antifona Salve Regina.
V. Rallégrati, Maria, piena di grazia.
R. Il Signore è con te.

ORAZIONE
Perdona, Signore, le colpe dei tuoi figli, e poiché non possiamo salvarci con le nostre opere, ci soccorra l’intercessione della Vergine Maria, madre del tuo Figlio e nostro Signore Gesù Cristo, che è Dio.

Accogli con bontà, Padre, le preghiere della tua Chiesa e allon tana da lei ostacoli ed errori, perché i tuoi figli ti servano con piena libertà. Per il nostro Signore. O Dio Padre nostro, mostraci la tua infinita misericordia, libe raci dai nostri peccati e da tutti i castighi che per essi meritiamo, perché i nostri giorni godano il dono della tua pace che ci custodisce da ogni male. Per il nostro Signore.
------------------------------------------------------------------------------------------------------------

In Fondo Pagina